Curling Vs. Pulci

Finora non ho parlato delle Olimpiadi Invernali e sinceramente non pensavo neanche che l’avrei fatto.
Ecco, io sono contento per l’Italia, per Torino, per i torinesi che si ritrovano la città completamente rinnovata e trasformata, per i tifosi degli sport invernali che avranno di che divertirsi e appassionarsi. Viva le Olimpiadi Invernali.
Ma non ho seguito nessuna gara fino ad ora e niente seguirò. Non c’è niente da fare, sarà perchè  in settimana bianca non mi ci hanno mai portato, ma lo sci non mi interessa per niente, e lo stesso vale per tutti gli sport affini.
 
Le Olimpiadi tradizionali invece, quelle estive, le seguo un po’ di più. Sarà forse perché lì si tratta più spesso di sport “per tutti”, che si possono praticare ovunque. Sport da cui non si è esclusi a meno di non vivere in nazioni/regioni dotate di montagna (o avere i soldi per andarci, in montagna), potersi permettere le costose attrezzature, eccetera.
 
Ma no, poche chiacchiere: più che per motivi classisti, ho il dubbio che le Olimpiadi invernali mi interessino meno perché c’è poca carne esposta. Insomma, non solo gare per me poco avvincenti dal punto di vista sportivo (sono sicuro che andando io stesso a sciare mi divertirei, anche se non ci proverò MAI per amore del mio ginocchio: ma vedere sciare o slittare altri mi emoziona zero): neanche la possibilità di rifarsi con la visione degli atleti, nutrendo i propri effimeri sogni erotici oppure decidendo semplicemente quali sono i più simpatici per cui fare il tifo. Invece no, tutti lì indistinguibili tra loro, bardati dentro tute ominomichelin, berretti e occhialini. Cheppalle.
 
Insomma, con l’eccezione di un’occhiata ogni tanto al medagliere per controllare la posizione dell’Italia (un po’ di patriottismo unito alla mia mania per le classifiche), a me non interessano ‘ste gare.
 
—-
 
Ieri notte poi, l’insonnia procuratami dal raffreddore aviario che mi ha preso in questi giorni (aviario nel senso che ho certamente un pollo morto dentro il naso) mi ha fatto soffermare davanti a Raidue, dove veniva trasmessa una gara di uno “sport” curioso e improbabile.
 
In un campo simile a una pista da bocce, due squadre (Italia e UK) si alternavano nei lanci di oggetti strani che non erano proprio bocce, ma delle specie di dischi enormi chiamati stone. La cosa inquietante è che mentre gli aggeggi lanciati slittavano sulla pista, due omini (arbitri?giocatori della stessa squadra del lanciatore?avversari?) seguivano pattinando il loro percorso, con in mano degli spazzoloni (tipo quelli per dare in terra, sì). A volte (ma a volte invece no) gli omini con gli spazzoloni strofinavano con foga esilarante a vedersi  la traiettoria di pista su cui stavano per passare i boccioni lanciati (misterioso è rimasto per me il motivo: per fargli cambiare direzione? per modificare l’attrito e quindi la velocità?).
I boccioni lanciati arrivavano al termine della pista, nella house (così mi sembra la chiamassero i telecronisti: un area circolare a cerchi concentrici blu-bianco-rosso), a volte bocciandone altri, a volte no.
Insomma, tutto molto emozionante, con i telecronisti della RAI che evitavano ovviamente di offrire la benché minima spiegazione del regolamento del gioco (dando l’impressione che sfuggisse in parte anche a loro, peraltro). Sono rimasto quasi mezzora ad ascoltarli solo per vedere quanto ci mettevano a ricordare il nome dello sport.
 
Ma già me lo ero immaginato. Ci doveva essere un motivo per cui tutti quelli che volevano fare battute sull’assurdità di alcuni sport olimpici tirassero sempre fuori la misteriosa disciplina del curling.
 
I cronisti RAI, dopo essersi degnati di informare l’assonnato pubblico televisivo del nome del gioco in questione, hanno ricordato che esso ha nobile origine nella Scozia del ‘500. Magari stavano anche iniziando a spiegare il regolamento.
Ma a quel punto ho spento.
 
Sarà forse una riflessione qualunquistica, ma non capisco perché certe tradizioni locali o certi giochi popolari diventino discipline olimpiche mentre altri (calcio storico fiorentino, guerra degli aranci, palla avvelenata, I 4 Cantoni, il Mondo di Gesso, le Pulci) no. E’ ingiusto.
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: