Chiamatela Lista Zafferano

Ed eccola la chiusura delle liste elettorali: un momento che non delude mai.
 
Non c’è niente da fare, il centrosinistra avrà le sue schifezze e assurdità tra i candidati (ad esempio il casinista Caruso a boicottare Rifondazione dall’interno, oppure il co-fondatore di AN Fisichella e la fondamentalista cristiana Binetti a braccetto nella Margherita, per tacer del nepotismo ormai diffuso ovunque e dei riciclaggi di scarti atomici da Prima Repubblica), ma quando si tratta di fare a gara per presentare e spedire in Parlamento candidati impresentabili il centrodestra vince sempre.
 
E non sto qui parlando dei soliti trasformisti (quelli alla Sgarbi, uno che si infiltrerebbe ovunque pur di ottenere visibilità e poltrone), dei personaggi in odor di mafia o corruzione, di candidature criticabili ma comunque di bandiera (come Stefio o la Agliana, rispettivamente con AN e FI): penso proprio a personaggi esilaranti e improbabili, ottimi per rinverdire e tenere alta l’italica tradizione di nani e ballerine.

 

La giovane soubrette Mara Carfagna (FI) ad esempio,  che ha probabilmente intenzione di inaugurare una nuova categoria professionistica dello spettacolo: la parlamentina (o montecitorina).

Schiere di giovani teenager già bramano di seguire le sue orme (ma la Carlucci e la Gardini che fine hanno fatto? Già rimpiazzate da colleghe dalla pelle più fresca? Mica ci priveranno delle loro perle, vero?).

 

Del resto, i personaggi dello sport e dello spettacolo non mancano, neanche nell’Unione.

Magari non tutti odiosi come Rita Pavone,  che si rivolge al pubblico degli italiani all’estero (che attenzione, potrebbe riservare sorprese e dimostrarsi più becero e ignorante di quello italiano, ed è dura!) candidandosi nella circoscrizione europea per la Lista AN-Tremaglia.

 

Il mostruoso Frankenstein a due teste costituito dalla lista DC-PSI di Rotondi & De Michelis aveva bisogno di un capolista forte e carismatico per il Senato in Lazio? Ecco in extremis il colpo di teatro, in tutti i sensi, visto che dal Bagaglino è in arrivo Pippo Franco. Visto che la serietà del personaggio è ben superiore alla somma di quella dei due partiti, rischia seriamente di costituire un valore aggiunto ed approdare a Palazzo Madama. Chi-chi-chi co-co-co curu-curu-curu-curucu qua qua.

 

E infine, altra lista composita, altro testimonial d’eccezione.

Mi sono chiesto da subito, appena è stata ufficializzato il cartello elettorale anti-romano tra la Lega Nord e il Movimento Per le Autonomie (la lista picciotta di Lombardo), se la lista unica nazionale formata avrebbe avuto la possibilità di presentarsi nel Lazio, con quali speranze e con quali candidati.

Beh, la notizia è ormai già vecchia, ma sempre una bomba: il capolista alla Camera nel Lazio sarà l’ex margheritino, ex anti-berlusconiano, ex presidente calcistico-televisivo perseguitato dalla sfortuna e dai complotti, ex zafferano-dipendente, ex video-lasciato Vittorio Cecchi Gori.

 
Io lo avrei candidato a Firenze, sarebbe stata una mossa ancor più geniale.

 
Annunci

11 Responses to Chiamatela Lista Zafferano

  1. utente anonimo says:

    Non ti preoccupare, la Gardini è salda al 4/5° posto in lista in Veneto, blindatissima. Nel prossimo Parlamento non ci faremo mancare nulla! ;-)

  2. Disorder79 says:

    Grazie gentile anonimo per la rassicurazione, adesso come cittadino mi sento più tranquillo e ben rappresentato :)

  3. utente anonimo says:

    non ti risulta un’inquietante avvocato Bongiorno x Alleanza Nazionale?
    L’Agliana ho visto è solo 22sima in lista in toscana x Forza italia e dubito proprio la toscana eleggerà 22 candidati di Forza Italia.

    borghese annoiato

  4. Post sublime.

    Clap clap clap!

    Anellino

  5. Disorder79 says:

    @Anellino: esagerato!!!

    @B.A.: Sì, e in effetti in Toscana c’è un po’ penuria di vipponi in lista.
    La Bongiorno non l’ho nominata perchè, per quanto mi risulti disgustosa (è l’ennesimo avvocato dei corrotti che entra in Parlamento), non rientra a mio parere tra le candidature-buffonata (come non vi rientra la Di Centa, che almeno ha già fatto politica sia in FI che a livello di CONI). Inoltre non si ricandida Taormina, quindi nel cambio tra i due non si va certo a peggiorare.

  6. pietropenza says:

    …Molto meglio il buon vecchio Partito dell’amore” di Cicciolina e Moana…..
    ma che bel blog!

  7. Disorder79 says:

    Grazie :)
    Comunque, se non ricordo male (ero piiiccolo..) Cicciolina si candidò e fu eletta coi Radicali, solo Moana era nel Partito dell’Ammmore (e non fu eletta).

  8. Disorder79 says:

    Aggiornamente quota-nani&ballerine (x le quote rosa ripassare dall’Italia nel 2100 circa):
    -Gabriella Carlucci viene data oggi dal Corriere come quasi esclusa in quanto relegata al numero 13 in Puglia (ignoro le percentuali e il numero di candidati probabili eletti in quella regione).
    -Mentre, sempre nel Lazio ricettacolo di candidati-trash, ecco spuntare nelle liste di FI anche un’ex attrice di Brass:

    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/03_Marzo/08/rubino.shtml

  9. utente anonimo says:

    Sobh! Ma cosa abbiamo fatto di male per meritarci TUTTO questo??? :(

    Luk

  10. utente anonimo says:

    Cicciolina fu eletta coi radicali negli anni 80, poi a inizio anni 90 ci riprovò fondando con Maoana Pozzi il partito dell’amore ma furono entrambe ‘trombate’.

    borghese annoiato

  11. Disorder79 says:

    A me sembra che nel partito dell’Amore Cicciolina non ci fosse, mentre con Moana c’era forse qualche altro personaggio presenzialista, tipo Sgarbi o simili. boh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: