Governo Prodi-Ruini

Dopo un breve sguardo alla lista dei ministri presentata oggi da Prodi, direi che possiamo già mettere una pietra sopra a qualsivoglia riforma sul piano della laicità e dei diritti.



La Margherita ha infatti allungato i suoi petali, a mo’ di tentacoli, su quasi tutti i ministeri da cui ci si poteva aspettare una spinta innovativa su questi temi (a cui già il Parlamento, con le attuali maggioranze, è decisamente poco sensibile), o che comunque possono influenzare il relativo dibattito.



L’unica eccezione è la diessina Barbara Pollastrini alle Pari Opportunità, un ministero che però si sa quanto pesi.


Per il resto una tragedia:

– Al redivivo Ministero della Famiglia (Tradizionale?) Santa Rosy Bindi.

– Alla Salute la beghina paternalista dei Ds Livia Turco.

– All’ Istruzione (non più abbinata all’Università), che non a caso *non* riprende la vecchia dizione Pubblica Istruzione, il rutelliano di ferro Giuseppe Fioroni.

– Alla Giustizia ci penserà comunque Clemente Mastella a bloccare qualsiasi riforma sgradita oltretevere.

– E per finire, non sia mai che il dibattito culturale prenda brutte pieghe: ecco così il vicepremier Rutelli alla Cultura e l’altro margheritoso Gentiloni alle Comunicazioni (e relativa influenza sulla Rai).



A Emma Bonino non si concede neanche la Ricerca e Università: verrà invece mandata a curare le Politiche Comunitarie. A Bruxelles si troverà bene con la spietata lobby
europea ateo-gay e non farà danni.



Insomma, non so come andrà in Parlamento ma questo governo è appena nato e ha già la fiducia della CEI.




– – –




A margine, non posso poi esimermi da un ulteriore commento sulla sciagurata scelta di Mastella alla Giustizia.
Dopo la segnalazione d’obbligo del maxischermo installato a Ceppaloni per permettere ai concittadini di seguire il suo giuramento, riporto un intervento di quel cattivone di
Marco Travaglio  (il quale tra parentesi dalla caduta di Berlusconi è inflazionatissimo: ne ha praticamente preso il posto in tv, è ospite ovunque!):


«Ma Prodi lo sa che Mastella è quello che ha fatto il testimone di nozze a Francesco Campanella, il mafioso di Villabate che fornì i documenti falsi a Bernardo Provenzano per andare a operarsi a Marsiglia?»

E comunque, fosse "solo" questo il problema…

Annunci

3 Responses to Governo Prodi-Ruini

  1. Abboriggeno says:

    sono schifito, oltraggiato. Questa è mancanza di rispetto. Mastella alla Giustizia…Voglio dire, se voglio vedere schifezze di questo tipo posso tranquillamente votare Forza Italia e sapere almeno quello che mi aspetta. Sono degli stronzi.

  2. Disorder79 says:

    Io sui personaggi che sarebbero andati al governo ero molto più disilluso, anche prima di votare.

    Certo, per la giustizia – che in 5 anni è stata la più maltrattata dai governi Berlusconi – speravo davvero in una scelta di più alto profilo…bastava anche di anche medio profilo :)

  3. La nostra innocenza ideologica è andata irrimediabilmente perduta da tempo. Io lo dico da un po’ : Meglio Mastelloni che Mastella!
    Di conseguenza , siamo abbastanza disincantati per poterci ‘scagliare’ anche contro chi dovrebbe dire cose di ‘sinistra’ e non le dice. Non si fanno più sconti a nessuno :)))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: