Il ciclismo dopo Pantani

(per chi oggi si aspettava un post sui mondiali di calcio)

Eppure fino a qualche anno fa anche un tifoso-non-sportivo come me lo seguiva, il ciclismo.
Perchè in teoria il ciclismo è sport di valori: lealtà, sacrificio, sofferenza. Mica uno schifo tutto truccato come il calcio.

Poi è venuto fuori che anche in quegli scatti magici del Pirata c’era lo zampino di qualche farmaco; poi che li prendevano anche tutti gli altri; poi sono arrivate le maxi-retate al Giro d’Italia; poi un texano appena guarito da un tumore non ha trovato di meglio da fare che riempirsi di doping per vincere non so più quanti Tour di fila. Che a me sembra la cosa più idiota e moralmente infima che si possa fare, usciti da un’esperienza simile.
Insomma, ho smesso del tutto di seguirlo, il ciclismo. E non mi manca.

Domenica inizia il Tour de France: già due tra i favoriti, Ullrich e Basso, sono stati esclusi per doping.
(A proposito: ma quindi il Giro d’Italia è già finito?)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: