Viva la Scola pubblica

(Potevo fare ulteriori giochi di parole offensivi cambiando una vocale, ma almeno io voglio evitare le volgarità)

Da queste parti si è spesso attaccato Joseph Ratzinger, non per la sua nazionalità (la storia del suo presunto inquadramento nel regime nazista quando era un bambino mi sembra propaganda pretestuosa), bensì per le sue posizioni e dichiarazioni, nonchè per la corrente ultra-conservatrice che rappresenta all’interno della Chiesa Cattolica e per le intromissioni nella vita politica degli stati sovrani che tale corrente ritiene giusto inanellare, giorno dopo giorno.

Un altro personaggio della stessa risma, italianissimo, è il cardinale Angelo Scola, patriarca di Venezia, che non a caso era un altro dei papabili nell’ultimo conclave.

La sua intervista al Corriere della Sera di qualche giorno fa è un’entrata a gamba tesa sul tema della scuola.

Invito a leggere la sequenza di ipocrisie, fantasiose interpretazioni della Costituzione e volgarità para-razziste. Il tutto naturalmente in nome della libertà di educazione, della "nuova laicità" (la laicità dei teo-con nostrani, che significa predominio istituzionalizzato della cultura cattolica e tolleranza per le altre) e del superamento del "mito della scuola unica".

Riporto qualche passo a mo’ di esempio, tralasciando le solite, puntuali filippiche contro Zapatero e in difesa dell’ora di religione:

"Per giunta, in Italia la scuola unica è scuola unica di Stato"


Una scuola unica gestita dai gesuiti potrebbe anche andare bene.

"Si è detto che la scuola per essere laica deve essere neutra, indifferente a qualsiasi Weltanschauung; e si è pensato di garantirne la neutralità attraverso l’unicità. Ma lasciamo stare il passato…"


Ma sì, scordammuce ‘u passato e avanti con la teocrazia.

"La Costituzione dice all’articolo 33 che la Repubblica, quindi lo Stato più gli enti locali, deve istituire scuole; non dice che le deve gestire. È tempo che la gestione passi alla società civile, superando la connessione tra laicità, neutralità e unicità della scuola di Stato"


Dall’art.33 della Costituzione:
"…La Repubblica detta le norme generali per l’istruzione e istituisce scuole statali per tutti gli ordini e i gradi.
Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.
La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni delle scuole statali…"

La ratio dell’articolo mi sembra evidente e il ruolo centrale della scuola statale pure.

"Il meticciato impone un lavoro sofferto di chi con cuore largo si lascia ferire dalla ferita del meticcio e la trasforma, con un appassionato confronto amico, in un positivo personale e sociale"


Dal multiculturalismo quindi si può guarire, con le conversioni di massa possibilmente.

"…Per questo la grande risorsa di cui disponiamo è la società civile, e nella società civile la scuola è decisiva. Se rispetta tutti i criteri di accreditamento, che lo Stato dovrà garantire, non vedo perché un gruppo di islamici non possa aprire una scuola. Così penso che in una scuola gestita da cattolici si possa insegnare la cultura islamica o ebraica. Cosa che del resto da qualche parte già avviene"


Quindi la proposta è: scuole private gestite dalla "società civile", ovvero per la maggior parte cattoliche, che insegneranno la religione cattolica ma naturalmente anche le altre, dal punto di vista cattolico; per le poche scuole non cattoliche, le uniche evidentemente ad aver bisogno di essere "controllate" e accreditate", ci penserà il ministro democristiano di turno a vigilare.

Qui un po’ di reazioni politiche, tra cui la timida difesa della scuola pubblica da parte del ministro Fioroni (che la ritiene ancora – troppa grazia – necessaria, ma non da privilegiare. In perfetto spirito margheritin-ruiniano).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: