These Days

Eclettici contro ogni decenza.
E’ con pochissimo rispetto per i pezzi dei Pearl Jam che ancora risalivano dalle mie viscere (fino a risuonare nelle mie orecchie e sgorgare fuori dalle mie labbra nei momenti più inaspettati) che la sera successiva mi sono recato alla prima serata del Nextech Festival alla Leopolda.
L’idea di un tuffo nella musica elettronica a meno di 24 ore di distanza da Pistoia non si è rivelata granchè brillante dal punto di vista musicale (malgrado la serata sia stata assai divertente, complici l’alcol e la Deliziosa Compagnia).
I rumoristici/tribali/industriali Liars, attrazione principale della serata, non hanno suscitato in me particolare entusiasmo (non avevo mai avuto occasione di ascoltarli prima). I Suicide trentanni dopo? No, molto di più: ma forse non è la mia cup of tea, stavolta.
Il trio padroneggia comunque il palco e sa tener destra l’attenzione. Notevoli poi l’oltrissima mise del batterista-e-anche-altro (barba incolta e panza di fuori sfoggiate impunemente insieme alla minigonna di strass) e il cambio di costume del cantante a metà concerto: da metalmeccanico a debuttante pronta per il ballo con uno strap.

E dopo tre sere consecutive in cui tra una cosa e l’altra tiro avanti fino ad ora indecente, stasera è il momento della riapertura dello storico Siddharta (ecco da dove spuntano i Joy Division del titolo).
E il cerchio si dovrebbe così chiudere, con tutti gli ingredienti presenti: il ritmo che più fa per me, la melodia, le canzoni che fanno battere il cuore. Insieme a un bel po’ di scalmanati compagni di merende, wave-addicted come me (più forse qualche intruso twee-blogger, lì trascinato a forza).

Insomma, basta solo che regga il fisico! Domani mi riposo, prometto!

– – –

Aggiornamento della "mattina" dopo:

1 – Missione compiuta: superato l’iniziale senso di soffocamento da ICCM (Inaugurazione Con Calca Micidiale), questa vecchia carcassa ha tirato avanti gloriosamente quasi fino a chiusura, resistente come una pila Duracell
mentre pischelli inesperti crollavano esausti uno dietro l’altro. Tsè.

2 – A oltre due anni dall’uscita del relativo disco, finalmente un dj delle mie parti si è accorto che E Talking dei Soulwax è un brano che in pista funziona: basta metterlo.

3 – I testimoni dell’esagitata esibizione del sottoscritto nel momento revival anni ’90 (ebbene sì) Marlene-Afterhours-Faith No More-Skunk Anansie-Smashing Pumpkins sono pregati di tacere e rimuovere l’episodio.

4 – Blogger un tempo sprezzanti nei confronti della musica newwave hanno finalmente avuto il loro primo approccio con la Tziganata Experience.

Annunci

15 Responses to These Days

  1. Ari says:

    eh, che fisico… non è da tutti resistere a certe serate. e voglio assolutamente il racconto dell’esaltazione sul momento anni novanta, plis.

  2. utente anonimo says:

    Eliminerei quell’“un tempo sprezzanti, per il resto, dieci ore di sonno in quattro giorni. Ecco. Quasi un weekend perfetto.
    A.30mo

    (oggi non è lunedi e non piove, oggi non è lunedi e non piove, oggi non è lunedi e..)

  3. non mi sono mai spiegata la deriva dei faith no more. e il totale disinteresse postumo.
    a me piacevano molto.
    ogginonèlunedìnonpioveenondevoscrivere4attiinscadenzaogginonèlunedìnonpioveenondevevenireiltecnicoabloccarmiilpcogginonèlunedìenonpiovee…
    stee

  4. e ancora: hai sentito il cd di antianti? se sì, che ne pensi? che stamani mi sono stati domandati titoli graditi per integrare il regalo di compleanno. il ritardo senza unità temporali di misura sufficienti, e il conseguente senso di colpa, mi motivano a abusare.
    ‘azie.
    stee

  5. Alex_Vr says:

    Devo desumere che il tempo ha retto, per fortuna…
    :-)

  6. Disorder79 says:

    Ari: il “fisico” ha poi avuto bisogno dell’intera giornata di domenica per riprendersi, naturalmente (e per riabbattersi di nuovo dopo l’ennesima mazzata presa dalla Fiorentina….)
    …Il momento di esaltazione comprendeva karaoke urlato e danza scatenata. In effetti si è davvero chiuso il cerchio della settimana, tornando agli stessi anni 90 dei PJ :)

    Antò: l’indottrinamento-wave continuerà spietato, se continuerai a bazzicare la patria di Litfiba e Diaframma…

    stee: Vedo che il lunedì è tragggico per tutti!
    ….sui FNM ti appoggio in pieno. Mentre ahimè dell’esistenza di (degli?) Antianti vengo a sapere adesso a da te (google mi dice trattarsi di spinoff dei Linea 77, che già conosco pochissimo), quindi non posso esser d’aiuto. Come si vede che non frequento l’ambiente torinese :)
    PS. visto che ormai è tardi, buon Non Compleanno per oggi!

    Alex: ma col tuo commento ti riferivi al concerto dei Pearl Jam suppongo…Ha retto benissimo, per fortuna :)

  7. utente anonimo says:

    grazie, buon noncompleanno anche a te.
    e continua a piovere totalmente…
    stee

  8. utente anonimo says:

    ..e direi che io e Stee, ad occhio e croce, facciamo pure lo stesso non-lavoro ;)
    A.30mo

  9. @30mo, ‘r you a solicitor too?
    e dove allochi?
    stee

  10. utente anonimo says:

    ..nelle stesse lande brulle e desolate del proprietario di questo blog.. ;)
    A.30mo

  11. tutti piemontesi, pertanto! io sono di torino.
    occorrerà che si faccia pipì per segnare il rispettivo territorio di competenza…anche se ho una specializzazione non molto diffusa (diritto amministrativo, contratti pubblici in prevalenza).
    ieri ho assistito all’orale dell’esame di abilitazione di un amico, mi ha fatto rigurgitare vecchie ansie.
    tante care cose.
    stee

  12. Disorder79 says:

    …piemontesi???

    Comunque adoro questa forumizzazione tra i miei due “utenti anonimi” preferiti (sì, lo dico a tutti..) :D

  13. ecco…@disorder, mi ciondolava fumandosi una cosa nel cervello l’idea che tu fossi di novara.
    anche no, evidentemente.
    grazie per l’attestato di gradimento!
    stima del tutto ricambiata.
    stee

  14. Disorder79 says:

    Forse avevi letto “lanGHE brulle e desolate” e avevi equivocato…
    (ecco, dopo questa datemi fuoco)

  15. Disorder79 says:

    Songs to dance today[..] Finalmente nello scorso weekend sono riuscito a vedere dal vivo i Disco Drive. Come lui, metto subito anch’io le cose in chiaro: si è trattato di uno dei concerti più tirati visti ultimamente, il trio torinese-bolognese è gi&agrave [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: