The Outsiders’ Manifesto

Via Wittgenstein capito sul sito della rivista The Believer, nel cui archivio di esclusive online c’è questo lungo e appetitoso articolo su Morrissey
Le solite cose su cui ormai tanto si è già scritto e letto (in effetti l’articolo è vecchio, la stesura risale alla vigilia della pubblicazione di You Are The Quarry): il suo largo seguito tra i latinos di Los (Moz) Angeles, il suo essere più idolo che semplice icona pop, il rapporto travagliato con i media, l’ossessione per la riservatezza, la sua ordinary life nella suburbia californiana.

Lo segnalo per gli altri pazzi completisti che se lo fossero perso, ma soprattutto per sottolineare alcune frasi in esso contenute, che mi rendono assai orgoglione del nome scelto al tempo per questo blog (che pure non citava nessuna sua composizione):

"I am the outsiders’ outsider, but the baffling thing is that I attained this position unwittingly".

It wasn’t just that the music of The Smiths preached the "Outsiders’ Manifesto"

Annunci

4 Responses to The Outsiders’ Manifesto

  1. Ah, il nostro Moz.

    Anellino

  2. tipo, fisicamente, somigli a morrissey?
    stee

  3. Disorder79 says:

    Stee: non esattamente. Potrei assomigliare un po’ a Morrissey se fosse invecchiato male, tuttalpiù…

    Anelli: sempre sia lodato :)

  4. il mio amico è troppo un fico, altroché. ne cercavo la conferma perché il sospetto già l’avevo ;D
    stee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: