Fuffa di fatto

E’ con un certo sbigottimento misto a leggera irritazione che assisto in questi ultimi due giorni alla non notizia – sparata sui titoli di testa dei tg e sulle prime pagine – dell’avvento di una "legge sulle coppie di fatto".

L’unica notizia vera e attuale è infatti un’altra, cioè che nella Finanziaria le coppie di conviventi – etero o gay – restano fiscalmente discriminate per quanto riguarda la tassa di successione (bocciato un emendamento di maggioranza sul punto: niente franchigia, come fra estranei o lontani parenti). L’ennesima vittoria teo-dem.

Per quanto riguarda invece lo strombazzato disegno di legge governativo, il contentino che vorrebbe risarcire la discriminazione di cui sopra, esso allo stato semplicemente non esiste.
C’è solo un’ordine del giorno approvato al Senato (forza coercitiva: zero) in cui si impegna il governo a presentare entro il 31 gennaio 2007
un ddl che riconosca non meglio precisati «diritti anche in materia fiscale, prerogative e facoltà alle persone che fanno parte di unioni di fatto e non consideri dirimente, al fine di definire natura e qualità dell’unione di fatto, né il genere dei conviventi né il loro orientamento sessuale».

Quindi, riepilogando:

1) il governo non è in realtà obbligato a presentare un bel nulla: quello di ieri vale come uno qualsiasi dei mille annunci fatti in questi mesi ai giornali e poi smentiti il giorno dopo (anche se qui probabilmente si preferirà lasciar cadere la questione nel dimenticatoio).

2) quello che il Governo potrà presentare non sarà una regolamentazione delle coppie di fatto e tanto meno un Pacs all’italiana, come viene strillato in questo articolo-fuffa di Repubblica (che ipotizza già pensione di reversibilità, diritti fiscali e successori e un rilievo pubblicistico dell’istituto tutto da dimostrare).
Del resto il misero programma dell’Unione non prevedeva altro che concedere qualche diritto agli individui.

3) qualsiasi compromesso al ribasso che il governo eventualmente presentasse sarà poi definitivamente impallinato in Parlamento da Udeur e teo-vari.


Quindi tutta questa baraonda per la "legge sulle coppie di fatto in arrivo" mi sembra fuori luogo (per quanto sia sempre utile dare spazio al dibattito sull’argomento) e soprattutto destinata a sgonfiarsi nel giro di qualche giorno.

Giusto il tempo per far dare aria alla bocca ai soliti noti (tipo l’allarmato Cicchitto che "dice no alla possibilità di adottare figli per le coppie gay", come se fosse all’ordine del giorno il matrimonio per tutti) e per dar modo a Ratzinger di stroncare con la sua solita delicatezza il progetto nell’Angelus di domenica prossima (e su questo si accettano scommesse).

Nel frattempo, tanto per volare più basso, i 15 giorni che il Ministro Pollastrini si era presa per presentare un disegno di legge sulla violenza contro le donne sono in scadenza, senza che si abbiano più notizie del progetto.
Se per una volta si desse seguito a un annuncio, prima di procedere col successivo?

– – –

UPDATE del weekend: come volevasi dimostrare, in due giorni prima Ratzinger ha dato lezioni allo Stato italiano su quale laicità sia sana e consentita, poi è partito all’attacco l’Osservatore Romano.
Qui invece la galleria degli orrori delle reazioni del centrodestra.

Meno male che c’è stata l’uscita del Manifesto.

Annunci

10 Responses to Fuffa di fatto

  1. Ari says:

    sarebbe pura utopia.

  2. AnelliDiFumo says:

    Permettimi di ricopiare un mio commento da altro blog: ricordiamoci ciò che ha detto il filosofo Mastella: “La famiglia, è la famiglia”. Una coppia di froci che convive, è invece chiaramente un comodino. Dovessero i froci avere anche figli da precedente unione etero, si tratterebbe di un comodino con lampada. Siamo oltre il surrealismo.

  3. AnelliDiFumo says:

    Oddio, meglio ha fatto Casini: “Non vogliamo fare discriminazioni MA una coppia di omosessuali non può avere gli stessi diritti di una famiglia eterosessuale”. Comincia a piacermi, quest’uomo, perché non riesce più a dirle restando truce queste affermazioni. Si vede lontano un miglio che, fosse per lui, non ci sarebbero problemi. E’ il copione che dice quelle battute, e lui le recita al meglio.

  4. Disorder79 says:

    Ari: sì, e sarebbe anche democrazia occidentale (e chi non rispetta gli annunci va a casa. non solo via dal governo, anche via dalla dirigenza del partito).

    AdF: vedi, hanno anche coerenza quelli che non vogliono concedere nulla. La discriminazione, tecnicamente, è trattare in modo diverso situazioni analoghe. E siccome per loro nel caso delle unioni gay non si parla di coppie nè di famiglie nè di persone umane (ma quelli di destra hanno comunque tanti amici gay come animali domestici), è giusto non concedergli proprio NULLA. Loro sono coerenti, dal loro punto di vista bacato, e continueranno così finchè la civiltà avanzerà e sempre più persone smetteranno di votarli.
    Quelli che mi fanno ancor più incazzare sono quelli che riconoscono il vincolo affettivo “ma poi si deve rispettare l’istituzione del matrimonio religioso”. Che le dìa priorità chi vuole farlo, non lo Stato.

  5. Anelli: La famiglia è la “famiglia”…?

    Quanto all’uscita di Casini, siamo al “non siamo razzisti, son loro che sono negri”.

  6. Alex_Vr says:

    non capisco se ci prendono per il naso o se non ci stanno capendo più una Eva nemmeno loro…

  7. simbax says:

    Il problema è che i cattolici del centro sinistra rompono le palle. Ancora a certi non è entrato in testa che L’Italia è uno stato laico.
    E le intromissioni del Papa e dell’osservatore romano mi fanno ancora più incazzare.

  8. Disorder79 says:

    restodelmondo: sì, anche la famiglia con le virgolette per certa gente ha sempre la sua importanza (Silvestri docet) :)

    Alex: ci prendono per il naso.

    simbax: ma infatti l’Italia di fatto non lo è, uno Stato laico. Non sicuramente dalla dissoluzione della Dc (!)

  9. Gwynplaine says:

    Ti rispondo qua: rispetto a Frances non c’è alcuna “trama”, i brani non sono collegati e non ci sono intermezzi rumoristico-atmosferici. Resta la schizofrenia compositiva, ci sono spunti interessanti, ma probabilmente avrebbe giovato prendersi un altro po’ di tempo per affinare le cose. Aggiungi che hanno avuto casini con il batterista, uscito dal gruppo proprio a cavallo della registrazione del disco… Amputechture è interessante ma è ben lontano dal valore di De-Loused, che per me resta il loro picco.

  10. Disorder79 says:

    Gwynplaine: Grazie, allora forse potrebbe piacermi più del precedente [per chi legge, ovviamente il tutto è OT rispetto a questo post]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: