Boldi resta fuori di poco

Tempo di classifiche, e in attesa del pippone sui miei dischi del 2006 mando avanti la più agile top five dei film visti nell’anno solare al cinema (anche se forse per il cinema si dovrebbe andare ad annate autunno-primavera. Ma chi se ne frega).
Per i link ai relativi post, vedi colonna a lato (sennò che ci sta a fare il menu a tendine di cui vado tanto orgoglione?).

1) Il Caimano
E di Nanni Moretti io neanche sono un cultore, anzi il Moretti regista di per sè mi irrita pure un po’. Ma con le domande che pone, con lo sconvolgimento che lascia nello stomaco, col cortocircuito tra privato, politico e sociale in cui affonda il coltello, questo per quanto mi riguarda è il film DI quest’anno.

2) Brokeback Mountain
Avrei potuto mettere un ex aequo. Il Caimano è il film di questo 2006 italiano tanto quanto BM è universale, con la sua classicissima storia d’amore contrastato e la regia sopraffina. Importante anche per quello che ha significato il suo successo nelle sale italiane (anche se con poche conseguenze positive a livello politico…)

3) Non è Peccato – La Quinceañera
Per la categoria "film indipendenti" (in cui tutti sono impazziti per Little Miss Sunshine, che io mi son perso). Le aspettative erano medio-basse, invece un po’ l’ambientazione, un po’ gli interpreti me ne hanno fatto innamorare.

4) Volver
La solita classe, la solita capacità di sorprendere. Ma questo non è stato tra i miei Almodovar preferiti. Parere isolato, lo so.

5) Marie Antoinette
L’estetica e poco altro? Forse. Ma lo spinge in alto la colonna sonora dell’anno.

Annunci

4 Responses to Boldi resta fuori di poco

  1. utente anonimo says:

    AAAAAAAAAARRRRRRGH.

    (no, scusa, lo sai che non riesco a reagire diversamente quando leggo la parola Moretti.)

    A.30mo

  2. simbax says:

    Ho visto solo i primi due e mi sono piaciuti abbastanza. Il caimano non l’ho trovato straordinario. Ma vedere determinate cose su Berlusconi che la tv ha spudoratamente censurato mi ha fatto piacere. Parlo del momento del consiglio europeo in cui Berlusconi ha dato del capot ad un consigliere tedesco che lo stava ridicolizzando.

    Volver lo recupero senz’altro, visto che Almodovar mi piace molto.

  3. Disorder79 says:

    simbax: per la scena intera dell’intervento a Strasburgo, vedasi il film di Deaglio/Diario “Quando c’era Silvio” (che è sì demagogico e schierato, ma come documentario si regge molto meglio dell’ultimo “Uccidete la democrazia”, che presenta una sola tesi valida circondata da fuffa)

    Antonio: anche letto sulla 66cl da muratore? :D

  4. Tutti film che avrei voluto vedere, peccato ne abbia visto soltanto uno… Sigh.
    Mi rifarò con l’homevideo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: