Me and !!! down by Via Zagabria (A true story)

L’impietoso bollettino medico-ortopedico di oggi.
Piedi: distrutti dal ballo sfrenato durante e dopo il concerto all’Estragon dei !!! (o chk chk chk o insomma se non si è ancora capito chi sono, pace).
Polpacci: annientati dalla tonificante (?) passeggiata a piedi Covo-Centro di Bologna a conclusione di serata.
Schiena: messa a dura prova da un’improvviso gesto atletico da ginnasta per il quale qui non si è mai avuto il fisico, nel tentativo di recuperare una delle bacchette della batteria lanciate giù a fine concerto. Per il puro sfizio di primeggiare nell’impresa, poi, perché non me ne sarei fatto di niente.
Braccia: solo indolenzite, per fortuna.
Collo: non ancora pervenuto.

Ah sì, devo ancora parlare del concerto.
!!!_1 I  sette !!! sul palco sono stati grandiosi, un’ora e mezzo senza pause di rito, da ballare dall’inizio alla fine.
Per certi live tiratissimi e che coinvolgono completamente a me succede che la percezione temporale sballi completamente. Ma non nel senso che il finale arriva prima del previsto: al contrario, dopo mezzora di musica mi sembra di stare lì da due ore. Lo stesso effetto dei concerti pallosi, insomma, ma per ragioni opposte (se penso al passato, mi vengono in mente come esempio di una sensazione simile le varie volte che ho visto gli Interpol, o quella volta dei Pixies a Imola: tutte esibizioni mai andate oltre l’ora).

Così come succede con gli LCD Soundsystem (che però ad Arezzowave 2005 vidi senza ancora conoscere la loro produzione in studio), lo spettacolo offerto dal gruppo newyorkese comprende e amalgama in sè le esperienze del concerto rock e della serata in discoteca.
L’idea di piazzarsi sotto al palco (postazione a cui non sono avvezzo), se diminuisce forse quella tipica e piacevole sensazione di sperdimento che si ha quando si è circondati dalla calca, evita molte delle piccole noie da concerto (la costante lotta per non essere allontanati dal palco; gli spingitori di spingitori che premono fastidiosamente dal dietro; quelli che si intrufolano tra te e i tuoi amici; gli spilungoni o piramidi umane che si piazzano davanti togliendo la visuale…). Inoltre così il muro di suono punk-funk-chitarroso creato dai !!! si infrange direttamente sui nostri corpi, così come è tutta per noi la performance di Nic Offer, con relative coreografie e ammiccamenti.
Perchè il cantante Nic Offer è un animale da palcoscenico che non si può descrivere a parole, va visto e basta. Il repertorio dei suoi dionisiaci balletti, che hanno tutti in comune una notevole mobilità (più anale che) pelvica, farebbe impallidire anche il Mangoni più in forma . In più canta anche, con la voce e l’entusiasmo che serve.
[UPDATE: grazie alla compagna di merende Kay abbiamo anche una breve ma eloquente testimonianza video]
   !!!_2 (Da sinistra nella foto: chitarrista-anche-Lcd, bassista, Nic, percussionisti, chitarrista, batterista)

Nel resto del gruppo l’unico che resterà allo stesso strumento dall’inizio alla fine è il bassista (che nell’aftershow al Covo sarà protagonista di un bel djset con house di qualità, non sufficiente comunque a svuotare l’altra sala in cui furoreggiavano loro due).
Degli altri 5, i due chitarristi (uno dei quali suona anche negli Lcd Soundsystem) ogni tanto si dedicano alle percussioni o alla tastiera; a loro volta i due percussionisti-tastieristi da metà concerto in poi saranno impegnati soprattuto ai fiati (ma anche con altri strumenti non meglio identificati, tra cui una simil-grattugia da parmigiano); infine il batterista lascerà la sua tana per qualche canzone dando il cambio a Nic alla voce ed esibendo anch’egli una notevole presena scenica.

Non saprei dare giudizi tecnici su quali pezzi siano venuti meglio, perchè dopo l’inevitabile inizio con Myth Takes non c’è stato un momento in cui il ritmo calasse (e soprattutto mi ero ormai completamente lasciato andare).
Le cose che mi aspettavo dall’ultimo album e quelle migliori da Louden Up Now c’erano tutte – compresa Me And Giuliani, negata al pubblico la sera prima a Roma e da noi richiesta più volte. Ottimi e potenti anche i due pezzi che non conoscevo, eseguiti nel finale.
Esaltazione collettiva quando prima il batterista su Yadnus e poi Nic stesso su una strabiliante Hello? Is This Thing On?
sono scesi tra il pubblico, continuando a cantare e ballare come forsennati.

Un’esperienza entusiasmante insomma, che è valsa assolutamente il viaggio (assieme al resto della serata).
Piccola nota negativa: il prezzo di Myth Takes al banchino (20 euri, più che in diversi punti vendita) era abbastanza vergognoso. Secondo me a quella cifra ne hanno venduti pochissimi e gli sta bene.
Le magliette invece costavano 10, ma quelle che c’erano facevano schifo.

L’aneddoto esclusivo. Che i !!! siano anche dei gran simpaticoni lo si vede, oltre che dal comportamento sul palco, anche da quello durante il succitato aftershow. Uno di loro ad imbarazzanti domande sulla sessualità dei componenti del gruppo rispondeva candidamente con un "ma siamo TUTTI gay!". Più tardi, cercando palesemente l’intorto con qualche ragazza, avrebbe estratto il jolly: "non sono più gay!".

Dulcis in fundo, per i soliti detrattori ecco in arrivo la famigerata
Scaletta (vado a memoria: i punti interrogativi sono i pezzi che non conosco, tratti forse dal primo album o da qualche singolo; sulla posizione di Dear Can poi non sono molto sicuro; infine, anche non credo sia stata rispettata in pieno, c’è chi ha recuperato la scaletta cartacea):

Myth Takes
All My Heroes Are Weirdos
Pardon My Freedom
A New Name
Heart Of Hearts
Dear Can
Yadnus
Must Be The Moon
Hello? Is This Thing On?
[?]
Me And Giuliani Down By The School Yard (A True Story)
[?]

Annunci

12 Responses to Me and !!! down by Via Zagabria (A true story)

  1. Abboriggeno says:

    Gran recensione.
    E posso a buon diritto associarmi in toto, visto che ero a 50 cm da te.
    Peccato solo che mi son perso l’aftershow, ma ieri sera non era cosa.

    Cmq sei impressionante con le scalette eh! Oramai che ci sono vado a controllare se trovo in rete i due pezzi mancanti.

  2. kAy979 says:

    tyler is the best :D

  3. Grande recensione e titolo geniale! ;)
    Domani pubblicherò anche io qualcosa in proposito.
    La scaletta è giusta, te lo posso garantire. ;)

    federico
    accentosvedese.blogspot.com

  4. Disorder79 says:

    Abbo: ma nel senso di trovare i titoli? Io comunque non li saprei mai riconoscere nella versione in studio…

    Kay: ho ancora in mente certe scene di extreme stalking :D

    fede: ottimo! (il gioco di parole su quella canzone l’han già fatto in diversi credo, ma questo è realistico visto che davvero a un certo punto li ho incrociati lì :)

  5. manuconta says:

    io ci farei un pensierino su quel tesserino…
    ah! io la mattina dopo ho dormito poco, camminato tanto e recidiva sono tornata al covo, domenica 4 treni, un concerto e oggi ho le corde vocali saltate.

  6. Disorder79 says:

    Mica capivo a quale tesserino ti riferivi….poi mi sono ricordato quel discorso su certi ingressi gratis… ;)

  7. federicoAS says:

    Cosa ci facevano in giro per Bologna? :D
    Quello di venerdi è stato davvero uno dei migliori concerti che abbia mai visto, paragonabile solo ai Les Savy Fav visti al Covo nel 2002. Dei pazzi scatenati.

  8. Disorder79 says:

    Semplice: uscivamo tutti dal Covo (che è appunto in quella via)

  9. federicoAS says:

    Non ci ero arrivato… l’ho detto: mi devo ancora riprendere. :D

  10. Disorder79 says:

    Fit State[..] Ieri sera, Estragon. Gli Hot Chip si presentano in 5 (non ho idea se fossero tutti membri effettivi o se qualcuno fosse un turnista: è un gruppo che conosco solo dalle canzoni dei due album). Disposti l’uno accanto all’altro sul bordo del palc [..]

  11. Disorder79 says:

    Pronti, attenti, WAVE![..] Quindi domani ci siamo. Parte Italia Wave, unico "evento" musicale dell’estate a cui sarò in grado di assistere quest’anno (dopo che nelle scorse settimane, grazie alla distanza e alla penuria di accompagnatori, mi sono perso un sacco [..]

  12. Disorder79 says:

    Top 20 Album 2007 (+varie ed eventuali)[..] Ed eccoci anche a questo giro con la classifica dei *miei* dischi dell’anno. Stavolta ho addirittura sforato e arrivo nel 2008, ma è andata bene: visti il poco tempo che dedico al blog ultimamente e i tanti, troppi album tra cui scegliere non er [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: