Pronti, attenti, WAVE!

Quindi domani ci siamo. Parte Italia Wave, unico "evento" musicale dell’estate a cui sarò in grado di assistere quest’anno (dopo che nelle scorse settimane, grazie alla distanza e alla penuria di accompagnatori, mi sono perso un sacco di concertoni).

Grande è la soddisfazione per avere finalmente l'(ex)Arezzo Wave vicino a casa e poterci quindi andare tutti i giorni, se voglio.
Bello anche che tutti i palchi sono nella stessa area: un "vero festival europeo" in piccolo.
La line-up presenta diversi nomi sulla carta interessanti, e magari farò anche qualche bella scoperta. Due o tre i nomi per cui è più forte l’attesa. Nessuno che mi fa tremare i polsi, va detto.

E il festival partirà col botto: il mercoledì e il giovedì si annunciano infatti come la giornate più dense di concerti interessanti (almeno per i miei gusti). Tristezza massima per il programma del weekend, che con nomi internazionali all’altezza avrebbe potuto richiamare molta gente da fuori regione. Invece si è puntato tutto su Geldof.

L’avevo già fatto qui, ma mi ripeto (vedi sotto) con il copia-incolla del programma dal sito, perchè stavolta le presenze dovrebbero essere tutte confermate e soprattutto ci sono gli orari. Orari che presumo saranno abbastanza rispettati (visto che l’intervallo tra l’inizio delle esibizioni dei vari gruppi è ampio, rispetto alla presunta durata dei rispettivi live).

Tralascio i concerti del palco "Toscana Wave" (per forza di cose rivolti soprattutto a chi dorme in campeggio e sarà nell’area festival già dalla mattina) e tutti gli eventi collaterali, che si trovano sul sito.
Per decidere i propri programmi si può anche scaricare dal sito la Timetable completa in pdf, ma io la trovo abbastanza illeggibile (a meno che non la si voglia stampare). [Update: NON scaricate la Timetable, fa crashare i browser, porc#
@##@*§!]

Gli obiettivi della vigilia.
Il mercoledì, se riesco a liberarmi dai precedenti impegni della giornata, cercherò assolutamente di arrivare a metà pomeriggio. Arrivare in tempo per i Disco Drive la vedo dura; idem per gli Shitdisco, cloni dei Klaxons (e già li…) il cui album ho decretato essere una cagata pazzesca dopo 4-5 ascolti a cui mi sono sottoposto in uno sforzo di generosità. Ma  spero davvero di riuscire a fare il bis – dopo pochi mesi – con i !!! (17,45).
In seguito, si darà un’occhiata in giro e ai vari gruppi da scoprire, attendendo i Tunng (su disco il loro electro-indie-folk è tanto ben fatto quanto poco il mio genere; ma dal vivo se ne dicono meraviglie) e gli ex-re dell’hype Clap Your Hands Say Yeah (che sono più adatti a me: vediamo però se sul palco ci sanno fare e ovviano alla ripetitività della loro formula). Possibili alternative nel caso i due gruppi di cui sopra si rivelassero inascoltabili (oppure nelle pause): i Numero 6 e i Casino Royale, sullo Psycho Stage.
Il gran finale sarà a mezzanotte con gli Scissor Sisters (se ci si arriva senza crollare). Sì, porterò scarpe comode.

Il giovedì presenta come ultime esibizioni del pomeriggio gli …A Toys Orchestra e di nuovo i Tunng: i primi li ho visti 2 settimane fa, i secondi dovrei averli visti il giorno prima. Quindi se sarò stanco arriverò direttamente la sera per gli Shitdisco (ma se non arrivo in tempo pazienza), le scatenate brasiliane CSS (che potrebbero farmi ballare) e gli headliner Kaiser Chiefs (che chissà, potrebbero entusiasmarmi, cosa che su disco non sono mai riusciti a fare fino in fondo).
Purtroppo nel mezzo a questi ultimi due c’è l’Intruso dell’intero Italia Wave, ovvero l’ormai insopportabile star da Festivalbar Mika. Magari approfitterò delle sue flastrocche da Povia-del-MySpace per un giro tra gli altri palchi. Più che darmi al radical chic di Avion Travel e Yo Yo Mundi, spero di dare un’occhiata ai malinesi (si dice così!) Tinariwen, che mi incuriosiscono molto, dopo quel che ne ho letto.

Il venerdì l’attesa è tutta per The Good The Bad & The Queen (sperando che non facciano solo pezzi del disco, ma peschino anche nel repertorio storico dei gruppi dei vari componenti). Scoprirò volentieri anche la soul-singer (giusto?) Joan As Police Woman, che li precede. Per il resto, vedremo.
La sera c’è pure l’Elettrowave, accozzaglia di nomi a me sconosciuti a parte Cassius e Alex Gopher. Boh, i 15 fucking euri di ingresso potrei darglieli ma solo se sarò in buona compagnia e con molta voglia di ballare.

Il sabato e la domenica, con headliner indigesti e nessun altro nome che mi stuzzica particolarmente, la tentazione di dire "Basta così" e fuggire verso il mare sarà forte. Poi chissà, magari cambierò programmi in corsa.

Imbucarmi al Wave Camp (ma faranno entrare se non si relaziona e non ci si è nemmeno iscritti?) mi piacerebbe, ma si svolge dalle 10 alle 18 il venerdì sabato e domenica. Orari in cui potrei non essere mai al festival. Però almeno un salto sarei curioso di farlo.
Per tutti gli altri eventi e stand, darò un’occhiata in loco.
Non prometto reportage ogni giorno perchè una volta tornato a casa la notte potrei non avere più forza.
Un consiglio per chi arriva in auto: andate per tempo, prevedo marasma. E per gli squattrinati come me: visto che nella zona già faranno pagare 3 euri di parcheggio (forfettari) quasi ovunque, cercate di non varcare la soglia dell’ingresso oltre le 21.00 e pagarne anche 10 di ingresso…
Altre eventuali dritte potrei fornirne domani. Buon festival a chi ci andrà.

– – –

Programma

MERCOLEDI 18 Luglio

       MAIN STAGE
[00.15]    Scissor Sisters (UK)
[22.05]    Clap Your Hands Say Yeah (USA)
[20.20]    Tunng (UK)
[19.25]    Spleen (Francia)
[19.00]    Ministri (Lombardia)

       GLOBAL STAGE
[23.10]    Sud Sound System
[21.05]    Gocoo (Giappone)
[19.45]    K’naan (Mogadiscio/Canada)
[19.00]    Krikka Reggae (Rototom Sunsplash)

       PSYCHO STAGE by Night
[23.10]    Casino Royale
[21.50]    Viewless Injuring Propaganda (Toscana)
[21.27]    Julius Bana (Trentino Alto Adige)
[21.05]    Numero 6 (Muz)

       PSYCHO STAGE by day
[17.45]    !!! (USA)
[16.35]    Shitdisco (UK)
[15.40]    Disco Drive (MTV: Brand New)
[15.00]    The Hacienda (Toscana)
[14.30]    Vellutata Sincronica (Basilicata)

GIOVEDI 19 Luglio

       MAIN STAGE
[00.15]    Kaiser Chiefs (UK)
[22.05]    Mika (UK)
[20.20]    CSS (Brasile)
[19.25]    Shitdisco (UK)
[19.00]    King Suffy Generator (Piemonte)

       GLOBAL STAGE
[23.10]    Avion Travel
[21.05]    Tinariwen (Mali)
[19.45]    Clotaire K (Libano)
[19.15]    Giovanni Sechi (Sardegna)

       PSYCHO STAGE by Night
[23.10]    Yo Yo Mundi
[21.50]    Diego Mancino (Radio Deejay)
[21.27]    A new damage (Campania)
[21.05]    Samuel Katarro (Controradio Fi)

       PSYCHO STAGE by day
[18.00]    Tunng (UK)
[17.00]    …A Toys Orchestra
[16.15]    Tre Allegri Ragazzi Morti
[15.40]    Gretadieu (Abruzzo)
[15.05]    Hello Socrate (Tribù)
[14.30]    Fuh (Piemonte)

VENERDI 20 Luglio

       MAIN STAGE
[00.15]    The Good, the Bad & the Queen (UK)
[22.05]    Joan as police woman (USA)
[20.20]    Enter Shikari (UK)
[19.25]    I Like Trains (UK)
[19.00]    Trabant (Friuli Venezia Giulia)

       GLOBAL STAGE
[23.10]    Radiodervish (Italia/Palestina)
[21.05]    "08001" (Spagna)
[19.45]    Dam (Israele)
[19.15]    Leitmotiv (Puglia)

       PSYCHO STAGE by Night
[23.10]    PASS THE MIC: Assalti frontali + Colle der fomento + Esa
[21.50]    Teste di Porpora (Valle d’Aosta)
[21.27]    Fresh Air of Hiroshima (Edizioni Zero)
[21.05]    Emily Novak (Freequency)

       PSYCHO STAGE by day
[18.00]    Messer Chups (Russia)
[17.05]    The Mojomatics (Rumore)
[16.15]    Baby Blue (Premio fAWI 06)
[15.40]    Spread Your Legs (Puglia)
[15.05]    Marcho’s (Popolare Network)
[14.30]    Planetanon (Marche)

       ELETTROWAVE – SQUARE: Street Wave
[00.30]    Dj Hatcha (UK)
[23.00]    Promenade & DP
[21.30]    Showcase feat. Dre-Love (USA), Millelemmi
[20.30]    Johnny Spataro
[19.00]    open decks

       ELETTROWAVE – THEATRE: Cabaret Electronique
[06.15]    Marco Solforetti (Italia) // interludes: Qoobshots
[05.00]    Modeselektor (Germania)
[03.45]    King Britt, live (USA)
[02.30]    Cassius, live (Francia)
[01.15]    Alex Gopher, live (Francia)
[00.45]    Tibor Fabian + Autobam (EW Challenge, A/V best project 2007)
[23.00]    Marco Solforetti

       ELETTROWAVE – CLUB: T-Rex
[05.00]    Onur Ozer (Turchia) // Vj Influx (ew challenge best Vj performance 2007
[03.30]    Davide Squillace
[02.00]    Âme (Germania)
[01.15]    Hugo
[23.45]    Levi’s® new music from the original: Rufus (The new cybers) vs Mass_Prod. (The new hedonist), vj Canecane
[23.00]    Alfa Romero

SABATO 21 Luglio

       MAIN STAGE
[00.15]    Vinicio Capossela
[23.05]    Leningrad (Russia)
[21.00]    Roy Young (Jamaica/UK/Israele)
[20.00]    Figli di Madre Ignota
[19.15]    Cappello a Cilindro (Lazio)

       GLOBAL STAGE
[23.10]    Orchestra di Piazza Vittorio (It.,Senegal,Brasile, Cuba,Tunisia,Ungheria,USA)
[21.05]    Susana Baca (Perù)
[19.45]    William White & the Emergency (Svizzera/Barbados)
[19.15]    4gradi Brix (Calabria)

       PSYCHO STAGE by Night
[23.10]    The Hormonauts
[21.50]    The Second Grace (Insound)
[21.27]    Volcanoman (Lazio)
[21.05]    Black eyed dog (Il Mucchio)

       PSYCHO STAGE by day
[18.00]    Datarock (Olanda)
[16.55]    Il Teatro degli orrori
[16.15]    Montecristo (Rockstar)
[15.40]    Dufresne (Rock Sound)
[15.05]    Tranz Vz (Umbria)
[14.30]    Ricochet (Liguria)

       ELETTROWAVE – SQUARE: Street Wave
[00.30]    Blatta & Inesha (presented by Mantra)
[23.45]    Rombi, live (presented by Nero Magazine)
[22.00]    Elena Spiko e RaiD
[21.00]    Craim
[19.00]    open decks

       ELETTROWAVE – THEATRE: Cabaret Electronique
[05.30]    Missill (Francia) // Interlude: Qoobshoots
[04.30]    Datarock, live (Olanda)
[03.00]    Matthew Dear’s Big Hands, live (USA)
[01.45]    Jimi Tenor & Kabu Kabu, live (Finlandia)
[00.30]    Kalabrese and the Rumpelorchestra, live (Svizzera)
[00.00]    Metuo
[23.00]    People feat Chico Rush & Sandiego

       ELETTROWAVE – CLUB: T-Rex
[05.30]    Dj Raresh (Romania)
[04.00]    Zip (Germania)
[03.00]    Noze, live (Francia)
[02.00]    Renato Figoli, live
[01.15]    Claudio Di Vito (ew challenge, best Dj producer 2007)
[23.45]    Levi’s® new music from the original: Deepalso (The new dicotequers) vs. Mammarella (The new freaks), vj Canecane
[23.00]     Rea_k (Sri Lanka)

DOMENICA 22 Luglio

       MAIN STAGE
[00.15]    Carmen Consoli
[22.05]    Bob Geldof (Irlanda)
[20.20]    Naturally 7 (USA)
[19.25]    Julie Feeney (Irlanda)
[19.00]    Waines (Sicilia)

       GLOBAL STAGE
[23.10]    Chico César featuring Quinteto de Paraiba (Brasile)
[21.05]    Dj Click (Francia/Marocco)
[19.45]    EPO
[19.15]    Animali Sociali (Veneto)

       PSYCHO STAGE by Night
[1.30]      "Musica Nuda" di Petra Magoni e Ferruccio Spinetti
[23.10]    Mando Diao (Svezia)
[21.50]    Stereoclimax (Chitarre)
[21.27]    Zoe Lea (Emilia Romagna)
[21.05]    Jet Set Roger (Radio Wave)

       PSYCHO STAGE by day
[18.00]    Leningrad (Russia)
[16.55]    Malfunk
[16.15]    My Awesome Mixtape (Rockit)
[15.40]    Mattia Donna (Jam)
[15.05]    Elettrofandango (Veneto)
[14.30]    Ninive (Molise)

Annunci

6 Responses to Pronti, attenti, WAVE!

  1. federicoAS says:

    Ti invidio. Vorrei rivedere i !!!.
    E vedere i Cassius. ;)

  2. Non vedo l’ora di arrivare a stasera. C’è un lato positivo sui nomi loffi del week-end: puoi andare a Mercantia a Certaldo senza troppi rimorsi :)

  3. Kekule says:

    Ed eccoci di ritorno dalla prima serata.

    La sorveglianza è micidiale ma discreta (bene quindi), il posto è vastissimo, quindi, sebbene si sia una marea, c’è sempre un posto per stare relativamente lontano da tutti. I palchi sono posizionati superstategicamente, e mai vengono a cozzare sonicamente. I bagni chimici, che diventano subito cimiteri per nuvenia usati, sono numerosi. Quasi magica la presenza di fanghiglia a macchie, come fosse davvero piovuto, come se il camioncino dell’acqua fosse invece adibito all’immancabile fango da festival.

    Ecco la nota VERAMENTE triste: mentre l’acutissima sorveglianza non fa passare bottiglie dall’esterno, all’interno i negozioanti hanno fatto cartello a prezzi scandalosi, come i 5€ per il bicchierello medio di birra, è l’incredibile 1,50€ per il mezzo litro d’acqua! Oh, la prossima volta fai pagare 5€ standard di ingresso a qualsiasi ora, ma assicurando acqua per tutti, cacchio!

    Gli Chkchkchk, lo devo ammettere, sono stati fantastici, davvero. Non sono il mio pane quotidiano e m’hanno proprio sorpreso, tra l’altro suonando in una fetta di scaletta per sua natura un po’ “freddarella”. Bravi assai.
    Volevo sentire i Tunng. Ok, sono soprattutto simpatici, ma non sono né propriamente folk né assolutamente tronika, musica da spuntino, vedremo poi domani, chissà.
    Clap Your Hands Say Yeah, per me una delle leggende fuorisedistiche da segretarie bolognesi dell’estragon e del sushi. Ma via, senza pregiudizi, ascoltiamo questi baldi giov… :O Bene, ora lo posso dire: è incredibile quanto facciano schifo, ma schifo schifo! Suonano malissimo delle b-side dimenticate dagli anni ’80, il cantante non ne ha davvero azzeccata una, im-ba-raz-zan-ti. Sono riusciti a gelare gli astanti.
    I Gocoo si conoscecvano. Coreografici, strabravi, superesotici, hanno elevato ai massimi livelli il pubblico rastaipoddico del Global, che avrebbe meritato di mangiare orecchiette e taranta se per fortuna non fosse arrivata la potente qualità nipponica.
    Malinconici i SudSoundSystem, o che ne rimane, non voglio gettare sale sulle ferite, facciamo contenta la piccola ribellione controllata dello studente di lingue che viene da Castrovillari, e volemose tutti bene, insomma.
    Degli Scissor Sisters avrei un dì lontano detto tutto il male possibile. Ebbene: mi rimangio tutto. Divertentissimi, assai bravi bravi, mai domi sul palco, autoironici. Infine, dietro c’è del lavoro e si sente (e si vede anche, direi). Semplicemente siderali.

    Italia Wave è il primo caso di manifestazione del genere che ha il programma a scemare, inoltre la musica delle masse poco si addice al brutto Kekule snob, però dai, farò il possibile per essere lì.

    Piccola segnalazione OT: qualche giorno fa, per la manifestazione Stazioni Lunari, c’è stato il concerto che piazzava in palco contemporaneamente Pelù/Donà/Godano(MarleneKuntz)/Di Marco/Avitabile. Nonostante il freddo pubblico gigliato seduto al centro, è stato tutto bello bello, e Pelù (anche lui non è pane mio) ha cantato una versione potentissima di “Resta”, con le due ragazze ai vocalizi, e col sax di Enzo Avitabile.

  4. utente anonimo says:

    !!! rimasto a casa a fare cose più interessanti come studiare la configurazione morfologica dei gatti siamesi nel mondo, Tunng piaciuti a sorpresa nonostante qualche scivolone psichedelico di troppo, Clap your hands addirittura peggio di quello che pensavo (e già ne pensavo tutto il male possibile), Casino Royale tristi nella loro svolta rocchenroll come già detto e pensato, Scissor penso uno dei concerti più divertenti della mia vita.
    A.30mo

  5. Disorder79 says:

    D’accordo sui lati positivi menzionati da Kekule.
    Sulla speculazione sulle bibite d’accordo, ma purtroppo la cosa non mi ha affatto sorpreso: gli stessi prezzi scandalosi che c’erano ad Arezzo Wave e ci sono a qualunque concerto/locale/altro della nostra zona. In compenso a me la bottigliona d’acqua di plastica l’hanno fatta passare (per due volte!), pareva ce l’avessero soprattutto con le lattine (e anche col vetro, suppongo). Parliamo piuttosto del fatto che alle 20,50 pare abbiano chiuso gli ingressi, per poi riaprirli alle 21 a pagamento, fregando così chi era arrivato poco prima dell’orario fatidico. Se è andata davvero così come mi è giunta voce, è una vergogna. Va bene cercare di recuperare i debiti con gli incassi, ma questo è troppo.

    Ah, altro lato positivo è che Psycho e Main Stage non sovrappongono quasi mai i loro concerti, quindi si riesce a seguire tutto. Invece il Global Stage non ce l’ho fatta a seguirlo (Kekule ma tu come hai fatto a girare tutti i palchi? non hai ballato, forse…)

    (per l’OT: alle Stazioni Lunari in quanto tali io sono allergico: c’è uno spettacolo con questo nome almeno ogni 2 mesi, in zona! grazie ai miei pregiudizi magari mi perdo cose belle, a volte)

    Poi seguirà in un post (oggi?) qualche commento ai concerti che ho visto.

  6. Kekule says:

    Sì in genere mi viene ben poco da ballare. A parte rare occasioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: