«Ho consultato il mio medico»

Grazie a Yoshi vengo a scoprire che Giuliano Ferrara non si è limitato, nella sua crociata per la "Grande Moratoria della strage degli innocenti", all’editoriale sul suo Foglio di qualche giorno fa (leggibile qui, per gli stomaci forti).
No, il nostro ha intrapreso una dura battaglia personale di testimonianza, che si può seguire in questi giorni sulla colonna di destra del blog di Christian Rocca.
Questo il primo post della serie, che spiega le motivazioni e le modalità di questo "sciopero della dieta liquida" (grassetti miei):

22 Dicembre 2007
L’appello per la moratoria sull’aborto

Una dieta speciale per la moratoria sull’aborto. Perché siano garantiti fondi al movimento per la vita e ai centri di assistenza che lavorano contro l’aborto, come ha chiesto ieri il giornale dei vescovi e come dovrebbero chiedere i giornali borghesi e laici. Una dieta semplice, che consiste nell’assumere soltanto liquidi dalla vigilia di Natale (dalla mattina della vigilia di Natale) al primo dell’anno (alla mattina del primo giorno del 2008). Non lo chiamo digiuno perché sono grasso, sebbene io pensi in generale di essere felicemente grasso e di recente mi senta un grasso molto in forma, orgoglioso di avere lo stesso peso corporeo (quello mentale è un altro paio di maniche) attribuito a Tommaso d’Aquino.

Questa è la mia decisione, e chi voglia associarsi sarà il benvenuto. Non chiamatela testimonianza, perché la testimonianza è sorella del martirio. Chiamatela per quello che è. Una dieta speciale contro l’ipocrisia e la bruttezza di un tempo in cui la morte viene bandita in nome del diritto universale alla vita e blandita, coccolata come un dramma soggettivo, nella spregevole forma, e molto oggettiva, dell’aborto chirurgico o farmaceutico.

Terrò un diario pubblico dalla casa di campagna in cui mi ritiro, lo terrò in questo giornale e, nH consultaoti l mio medicoei giorni in cui non sarà in edicola, nel suo spazio sulla rete (www.ilfoglio.it). Ho consultato il mio medico e mi ha detto che posso fare quel che faccio senza troppi problemi, basta bere molto, dosare le pillole antidiabete ed eseguire qualche banale controllo della glicemia e della funzione renale. Non è un sacrificio eccezionale, tutt’altro. E’ un altro modo di fare festa. E’ una cosa che non mi sarei mai sognato di immaginare nella vita e che in genere mi ispira una tremenda diffidenza: una buona azione. Buon Natale.

– – –

…spero mi si scuserà se non riesco trattenere le risate. Al di là della condivisibilità dello scopo dello sciopero (più soldi allo sciagurato e già fin troppo pasciuto Movimento per la Vita? ulteriori infornate di suoi membri nei consultori pubblici, per far sparire magari anche gli anticoncezionali? no, grazie. Ma magari è opinione mia), al di là dell’antipatia personale per la prosa dello scioperante (idem, gusti miei), mi chiedo: ma Ferrara, per trascorrere una salutare settimana a base di caffellatte, spremute & brodini (occhio però, scorrendo i vari post si scopre che ha già trasgredito, sgranocchiando qualche noce), aveva proprio bisogno della scusa di una qualsiasi battaglia sociale?

(Come faccio a sopportare l’idea di Giuliano Ferrara a dieta liquida? Penso a Ferrara chino sulla sua minestrina vegetale mentre Berlusconi e Dell’Utri gli fanno cadere addosso le briciole del panettone, Previti davanti a lui si strafoga d’abbacchio e la Santanché in completo sadomaso lo percuote con un cotechino)

Annunci

11 Responses to «Ho consultato il mio medico»

  1. EgoManiacKid says:

    “Ho consultato il mio medico e mi ha detto che posso fare quel che faccio senza troppi problemi”.

    Uff, manca la suspance, se non c’è il rischio che tiri le cuoia; la trama non funziona.

  2. utente anonimo says:

    Viva Pannella!

    // Rob.

  3. sariti says:

    avrei voluto scriverlo io questo post… ;.)

  4. Franfiorini says:

    è esattamente quello che ho pensato anche io…

  5. ventnoir says:

    Oh Cielo, mi ci mancava solo di riemergere dalle crapule natalizie leggendo di un’altra iniziativa per garantire fondi al Movimento per la Vita.
    Quasi quasi mi rituffo nei solidissimi panettoni…
    Bleah.

    VN

  6. federicoAS says:

    Volevo scrivere qualcosa anche io, ma ho preferito non infierire.
    Il personaggio è così, non sa più cosa fare per restare al centro dell’attenzione. E’ ridicolo.
    Mi mangerò un pandoro intero alla faccia sua. :D

  7. Disorder79 says:

    Effettivamente non ci sono paragoni con Pannella, “l’originale”.

    Alla fine comunque vedendo il dibattito creatosi in questi giorni il suo effetto questa buffonata l’ha avuta, purtroppo (ovviamente solo per il fatto che i soliti giornali e i soliti infiltrati vaticani in Parlamento si sono buttati a pesce sull’argomento).

  8. complimenti per il blog, davvero molto bello.
    mi son permesso di citar la parte finale del post nel mio umile blog, spero non sia un problema.
    in ogni caso, a capodanno mi son strafogato.

  9. Disorder79 says:

    grazie :)
    hai fatto benissimo a strafogarti a Capodanno, io per onorare Ferrara ho continuato a farlo anche nei giorni successivi :D

  10. raccoss says:

    Veramente Ferrara a dieta liquida mi fa venire in mente la scena della vasca da bagno “sognata” da Luttazzi.

  11. Disorder79 says:

    In effetti forse la mia era un’espressione infelice :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: