«These are the good times that you’ll miss»

Ah, non avevo poi più scritto nulla sulla serata di venerdì scorso al Viper (se non a margine di questo piccolo appello).

La FestaPop può dirsi a mio parere ben riuscita. Affluenza buona in relazione alla capacità del locale e alla popolarità di Jens Lekman in Italia; due concerti assai piacevoli; locale molto più caldo e accogliente del solito grazie alle decorazioni preparate per l’occasione (bravi!); djset divertente di Polaroid, che ha intrattenuto il pubblico prima dei concerti e lo ha trattenuto più a lungo del solito dopo – anche se come al solito non è musica che da queste parti la gente balla.
E per il sottoscritto, atmosfera resa più allegra dalla presenza di diversi amici.

Per i Comaneci, che aprivano, era forse uno dei primi concerti in un posto così grande. Il rischio, per la loro musica così particolare, era appunto che il pubblico più lontano dal palco fosse distratto dall’immancabile brusio che si crea in questo tipo di situazioni.
Io ero abbastanza  vicino, insieme a un discreto numero di persone, e da lì la resa acustica mi è sembrata buona. Avevo già avuto più volte occasione di sentire dal vivo il trio costituito da Andrea Carella (chitarra elettrica), Jenny Burnazzi (violoncello) e Francesca Amati (voce e chitarra acustica).
Non saprei ben definire la loro musica (di cui ci si può fare un’idea dalle canzoni ascoltabili sul myspace e scaricabili sul sito della band), ma ascoltarla dal vivo mi rilassa parecchio. E poi è sempre un piacere trovarsi davanti il sorriso della brava e instancabile Francesca (una vera stakanovista: il giorno dopo suonava a Ponterotto con l’altro suo gruppo, gli altrettanto apprezzabili Amycanbe, mentre la domenica era di nuovo impegnata a Bologna coi Comaneci).
Per la prossima sortita da queste parti tra l’altro Francesca ha promesso pubblicamente di preparare una cover di Bella Faccina, uno dei tormentoni del 2007 di questo blog: come non amarla.
 
Viper_Comaneci
Il live di Jens Lekman mi ha decisamente convinto, pur non essendo io un suo appassionato della prima ora, né un conoscitore esperto del suo repertorio.
Il suo pop sempre tra lo scanzonato e il malinconico, valorizzato da testi arguti e dalla sua voce delicata ed espressiva (nonché da arrangiamenti ricchi spesso al limite del kitch di archi e fiati, specie nell’ultimo Night Falls Over Kortedala), dal vivo mi ha coinvolto come non era riuscito a fare su disco (a causa di un ascolto piuttosto superficiale, va detto).
Chi invece tra il pubblico aspettava questo concerto da tanto tempo era, semplicemente, entusiasta.
 
Viper_Lekman 
Il giovin svedese, che mi dicono esser stato piuttosto schivo e riservato durante i preparativi del concerto, si è rivelato invece simpatico e divertito una volta salito sul palco con la sua chitarra.
La sua band, composta da un conterraneo ai samples e da 4 gentili donzelle (bassista, batterista, violoncellista e violinista: tutte svedesi come lui tranne l’ultima, americana), ha permesso di ricreare dal vivo (con l’eccezione dei fiati, registrati) i suoni dell’ultimo succitato album. Proprio i pezzi orchestrali e sovrabbondanti di Night Falls On Kortedala la fanno da padroni nella scaletta.
Si sorride con la surreale storia di A Postcard To Nina (preceduta da un’intro in cui Jens ne racconta i retroscena); si balla con Friday Night At The Drive-In Bingo e The Opposite Of Hallelujah; ci si commuove e ci si lascia andare ai ricordi con And I Remember Every Kiss e Your Arms Around Me.
Peccato che sia rimasto fuori Into Eternity, "il pezzo della lambada". Ero già pronto ad emulare Kaoma.

C’è posto comunque anche per il ripescaggio dei brani più amati dei due album precedenti (uno dei quali è una raccolta di canzoni già pubblicate in Ep vari), da Black Cab a Maple Leaves, da You Are The Light ad A Higher Power, per concludere con una Pocketful Of Money un po’ da magone.
Poi Lekman saluta e se ne va, accennando forse a un ulteriore rientro sul palco che però non ci sarà.

Setlist:

And I Remember Every Kiss
You Are The Light (By Which I Travel Into This And That)
Black Cab
Your Arms Around Me
A Higher Power
I’m Leaving You Because I Don’t Love You
The Opposite Of Hallelujah
New Directions
[inedito]
Maple Leaves
Sipping On The Sweet Nectar
A Postcard To Nina
Kanske Ar Jag Kar I Dig
A Sweet Summer’s Night On Hammer Hill
Friday Night At The Drive-In Bingo
Pocketful Of Money

Qui un montaggio di alcuni momenti del concerto.

Qui Inkiostro parla della data precedente di Ravenna (in teatro con soli posti a sedere: non credo che avrei fatto a cambio) e soprattutto linka l’mp3 di un intero concerto di questo stesso tour.

Annunci

7 Responses to «These are the good times that you’ll miss»

  1. Franfiorini says:

    Che dire, grazie per il solito ben resoconto. E mi dispiace davvero tanto essermelo perso perché lo apprezzo davvero :(

  2. Ho potuto vederlo a Torino, un concerto splendido, lui ha un carisma strano, davvero un personaggio. Noto anche che la scaletta è diversa: buon segno quando un musicista improvvisa la scaletta sempre diversa, significa che si diverte!

    Lollodj

  3. rubyblu3 says:

    ah allora non era impressione mia, l’ha detto sul serio che sarebbe rientrato.
    ringrazio per la scaletta, 3 o 4 le avevo rimosse.
    quando torna?:)

  4. Che tristezza! Sono stato bloccato a Bologna dalla nebbia! Ma non ha cantato “Psico girl”???? Vergogna!

  5. per i feticisti delle backing band femminili di Lekman: anche la violoncellista è americana. archi americani, sessione ritmica svedese. Svezia 2 – Usa 2. armonia ristabilita =)

  6. Disorder79 says:

    Fede: io avevo capito che quando ha detto che la violoncellista era americana si trattava di una gag (anche perché hanno riso, sul palco, e lei sembrava svedesissima come aspetto). Ma se sei hai informazioni certe da altre fonti, mi fido :)

  7. l’altra fonte è una, l’irreprensibile e autorevole parola di Enzo = )
    f.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: