Maratona blogger per Grillini (Moratoria sulla cicoria)

Nel corso di questa campagna elettorale giunta quasi al termine lo scrivere post sulla politica, ma anche il commentare quelli altrui, mi è costata una certa sofferenza: per questo, nonostante la mia logorrea sia ancora al suo posto, ce ne sono stati pochissimi (di post e di commenti sull’argomento), specie rispetto al passato.
E non so se dopo questo ce ne saranno altri, prima del voto. Però ci tengo a unirmi anche io in extremis alla maratona dei blogger glbt portata avanti nella giornata di oggi 10 aprile dall’aggregatore GayToday a sostegno della candidatura a sindaco di Roma di Franco Grillini.

Se la scelta che dovrò fare a livello nazionale sarà in ogni caso anche per me, come per molti altri, causa di mal di stomaco e ansia, se abitassi a Roma e dovessi quindi votare anche per le elezioni amministrative non avrei alcun dubbio, almeno per il primo turno.
La sciagurata candidatura "di ritorno" di Rutelli, un personaggio politico che a livello nazionale dopo aver fallito come leader di coalizione si è riciclato come oltranzista clericale all’interno prima della Margherita e poi del Pd ed è tra i maggior responsabili della caratterizzazione di quest’ultimo partito in senso confessionale e centrista, grida infatti vendetta. Così come grida vendetta l’accordo che  la Sinistra, l’Arcobaleno & friends hanno prontamente stretto con il Pd per sostenerlo, digerendo velocemente la scelta di uno come lui.

A mio parere, di fronte alla ricandidatura del sindaco che negò il patrocinio comunale al World Pride del 2000, che promette un intero mandato in posizione genuflessa davanti ai vicini di casa di Oltretevere, che ha introdotto e imposto la Binetti e i teodem tutti nella scena politica italiana, che davvero non si capisce in cosa si differenzi dal suo avversario Alemanno, dovrebbero dare un segnale forte non solo tutte le persone *non eterosessuali* direttamente da lui discriminati e danneggiati (attuando finalmente quella conta da sempre vagheggiata e mai messa in pratica, per le divisioni intestine del "movimento"), ma anche tutti i cittadini romani a cui stanno a cuore la laicità dello Stato e delle istituzioni.

E il segnale forte potrebbe essere il voto per Franco Grillini, candidato singolo per il piccolo Partito Socialista. Uno storico attivista gay che nella sua carriera prima movimentista e poi politica ha sì commesso vari errori (e io stesso in passato l’ho criticato più volte), ma ha sempre messo la faccia in tutte le battaglie svoltesi in Italia negli ultimi decenni per la laicità, per i diritti delle donne e degli omosessuali.
Grillini non ha ovviamente alcuna speranza di elezione. Tuttavia un suo risultato importante al primo turno, risultato a cui ricordo che è possibile contribuire anche grazie al voto disgiunto (sostengono Grillini non solo la quasi totalità del movimento glbt romano e italiano, ma anche vari esponenti e candidati dello stesso Pd!), darebbe la misura di quanto la "base" della ormai dissolta Unione sia stanca di certe facce, di certi metodi decisionali e di una certa visione politica.

Mi fermo qui, e segnalo i post di altri blogger (romani e non) che hanno aderito alla maratona pro-Grillini e che hanno parlato anche più nello specifico della situazione romana e delle motivazioni di un voto per Grillini: Querelle(s), Anelli Di Fumo, Cristiana Alicata, Elfo Bruno, Andrea Maccarrone (e qui ne sono segnalati molti altri).

Invito tutti gli elettori al Comune di Roma che passassero di qui a riflettere sulla possibilità di esprimere questa scelta – e ovviamente li invito a far riflettere a loro volta i propri conoscenti nella capitale.

Annunci

3 Responses to Maratona blogger per Grillini (Moratoria sulla cicoria)

  1. senhal says:

    sono uscita dal dramma “ommiodddio per chi voto???” dopo aver visto il sito http://www.pattolaico.com (di cui espongo fieramente il banner) e aver saputo della candidatura di grillini. il mio voto è stato salvato dai socialisti, speriamo che lo sia anche la laicità!

  2. Abboriggeno says:

    Condivido lo sdegno per Rutelli, anche se non so se mi convince Grillini…
    In ogni caso non voto a Roma, quindi pazienza. :|

  3. Disorder79 says:

    @senhal: visti i risultati del PS (e anche di Grillini a Roma, che pure ha fatto leggermente meglio) direi che la laicità tanto bene non se la passa…

    Comunque Rutelli, anche per il traino negativo delle elezioni nazionali, è andato malissimo, rispetto alle previsioni. E al ballottaggio non tifo certo per lui contro Alemanno: non vedo grandi differenze tra i due personaggi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: