Cupio dissolvi

La cosa peggiore non è neanche tanto che le forze più progressiste nelle Camere appena elette siano ora la Bindi e la Bonino.

La cosa peggiore è che tra 5 anni nel Pd, o nella nuova sigla che ad esso si sostituirà nel frattempo (non si sa mai), D’Alema, Veltroni & Fassino saranno ancora al loro posto. Anche perché già si stanno rivendendo il traguardo della scomparsa della sinistra italiana dal Parlamento (a cui, certo, sono giunti anche grazie allo scarso appeal di chi avrebbe dovuto rappresentarla) come un grande successo da cui partire.

Peccato che da quel 38% (che comprende i voti dati a Di Pietro, antiberlusconiani ma anche antiveltroniani: il Pd da solo si ferma al 33) si può soltanto scendere ancora. E nemmeno servirà allearsi con l’Udc, continuando a spostare verso destra il quadro politico italiano.

Sono proprio curioso di sapere chi quest’estate si presenterà alle varie feste di partito cittadine, e a dire cosa. Io comincio fin d’ora a metter da parte gli ortaggi andati a male.

Annunci

10 Responses to Cupio dissolvi

  1. Kekule says:

    Ehrm…per “festa di partito” intendi quella alla Fortezza Da Basso? Quella con i tavoli da gioco, le risse, la lap dance e lo strip maschile?
    Quella?

  2. utente anonimo says:

    :-D La mitica festa dell’Umidità!!!!
    IllegallyBlonde

  3. mariado says:

    ma sai, quando si criticano le persone bisogna pure dire chi potrebbe sostituirle. Facile dire so tutti stronzi, però difficilmente qlcno propone qlcsa di serio. Il pd secondo me non è andato male, ha mantenuto i suoi elettori e se ne è guadagnati degli altri.
    niente male visto il pochissimo tempo che c’è stato.

    cmq mi aspetto sempre che qlcno scriva i nomi dei sostituti, gente che prenda voti però
    senò sempre meglio il 33% che gli 0,…

  4. Abboriggeno says:

    in effetti i sostituti sono diventati quelli della Lega, e questo dovrebbe far riflettere ancora di più. Un Partito che nelle parole spaventa e inorridisce, ma che nei fatti spesso ha dimostrato più della sinistra. Almeno al nord, pare.

  5. mariado says:

    abboriggeno, ma che ha dimostrato più della sinistra, scusa? di essere la quintessenza del razzismo e del l’egoismo sociale? Veltroni, ad esempio, che doveva fare? parlare alla pancia profonda dei padani?

    ha tentato invece di parlare di solidarietà e progresso alternativi, di dialogo tra le forze sociali, di apertura alle nuove esigenze dei poveri, dei precari soprattutto e di sviluppo equilibrato tra nord e sud. Di sicurezza e immigrazione controllata.
    Si è tenuto cioè anni luce distante dalle ronde notturne e dalla secessione. E a me sta bene così.

    e quale altro leader, di grazia, che si sentisse di sinistra avrebbe dovuto seguire la paranoia leghista per prendere più voti? E con quali argomenti?

    Approfondite, gente approfondire. E soprattutto argomentate

    ciao

  6. Disorder79 says:

    Kekule: esattamente (e comunque precisiamo per la par condicio che mentre la lapdance o comunque la presenza di cubiste c’era ogni sera, lo strip maschile non mi risulta, a meno che non vogliamo intendere per tale i 2 gogoboys che “danzano” sul palco per la serata del Mama Mia con Regina & Markesa).
    Ma perché non riservarsi qualche pomodoro anche per eventuali comizi di Bertinotti & compagnia, eh.

    mariad: il Pd è andato MALE, anche se non malissimo: ha perso un po’ di suoi elettori storici a favore di IdV, non ha guadagnato *un voto uno* al centro (che era il suo scopo prefissato, per come era inteso il suo progetto politico) e ha compensato il tutto dragando circa una metà degli ex voti dei partiti alla sua sinistra (gente che ha preferito dare il “voto utile”; gli altri voti persi dalle sinistre “rainbow” sono di gente che si è astenuta, per lo più; qualcuno è andato alla Lega al Nord, ma non più di tanti, anche se in questi giorni non si parla d’altro).

    Quanto a WV, ha parlato, parlato, parlato. Bene (non sempre), ma TROPPO. La gente che poi ha votato destra, se in qualche modo è recuperabile (e lo è solo in piccola parte, il nostro è un paese di destra), lo è con poche proposte concrete.

    Senza dimenticare che non credo di essere stato l’unico a prendere le sue decisioni anche in base a ciò che si è dimostrato nel passato.
    Un esempio tra i tanti: la gggente vuole sicurezza? ecco, l’indulto è stato fatto dal Pd (anche se conveniva più a Forza Italia, che l’ha voluto anche di più, ed è riuscita a far percepire all’opinione pubblica che è stata solo la sinistra a volerlo: un capolavoro, ma del resto era impresa facile, con il monopolio televisivo che nessuno ha voluto scalfire). Ora era inutile che WV cianciasse di sicurezza, di allarme pedofilia (!) o allarme rumeni: l’elettorato ha votato in base alla paura e ha votato chi su questo tema ci soffia da sempre (e sempre con la complicità delle tv di cui sopra…).

  7. mariado says:

    sono d’accordo con te su tutto.
    Ma sul fatto che il pd abbia perso in generale ho delle perplessità. Veltroni ha fatto un tentativo e ha racimolato il 33%, ora è importante non disperdere questo voto e allargare a sinistra lo sguardo. C’è la possibilità di creare un partito maggioritario di tipo socialdemocratico. Che includa anche il voto moderato che cmq ha tenuto. Secondo me Veltroni non può farsi scappare questa occasione, e farla perdere anche a noi. Se tutti sappiamo collaborare e Veltroni saprà ascoltare credo che nel prossimo futuro ci sono delle speranze.
    Altrimenti la situazione è davvero nerissima.

  8. Abboriggeno says:

    @miriad (ovvero il paladino/a dell’argomentazione e dell’approfondimento):
    1_ti ricordo che sei sui commenti di un blog, non ad un convegno o conferenza stampa, quindi anche se non usi i toni di Ferrara è uguale.
    2_io ho votato PD e IdV, tanto per chiarire. E non sono, né sono mai stato leghista
    3_non ritengo Uolter potesse fare molto di più, in questa campagna elettorale. E non ritengo nemmeno il PD ne sia uscito sconfitto. Però è innegabile che puntava a qualche punto in più.
    4_Come recidivo elettore di sinistra sto cercando di fare un’onesta autocritica, e sto cercando di smettere di vedere le cose bianche o nere del tipo sinistra=bene e valori etici VS destra=male e disvalori. Nonostante sappia quanto male può fare uno come Berlusconi, e nonostante io non sopporti la Lega, sto iniziando a pensare che qualche merito ce l’hanno. O che se non altro rispondo in modo evidentemente più credibile della sinistra (secondo me no, ma del resto i risultati…) a certi temi sociali delicati. Tra cui una gestione seria dell’immigrazione. Cosa che la sinistra non è stata particolarmente in grado di fare. (a mio avviso nemmeno B. tra il 2001-2006, cmq…). Fatto è che in molte amministrazioni locali della Lega le cose vanno bene. Fatto è che anche in posti come Sesto San Giovanni o altre roccaforti al nord della sinistra, la Lega ha sbancato. Fatto è che poi vengono proposte come il federalismo fiscale che alla fine trovano d’accordo tutti.
    Le sparate come quelle dei fucili oramai le prendono tutti come cazzate. Io ho sempre pensato che chi ricopre ruoli istituzionali debba avere un certo rispetto per lo Stato, e una certa rispettabilità. Evidentemente per molte persone -e lo capisco- vengono prima altre cose, rispetto all’etica. Viene prima la busta paga, viene prima il posto all’asilo nido per i figli, etc, etc. E sta gente ha ragione.
    5_io ce l’ho anche con chi come Disorder ha votato Boselli, o non è andato a votare et similia. E ritiene che SA si sia prosciugata perché la gente ha votato il PD. Anzitutto la gente al nord ha votato la Lega invece che SA. E poi molti di SA son stati a casa. Non possono dare la colpa a Veltroni se la gente ha giustamente voluto mandare a casa quei 4 coglioni di Bertinotti, Diliberto, Pecoraro e compagnia. Che stavano lì a tenere la poltrona di predecessori che si voltano nella tomba a pensare a questi.
    6_Io mi sto trovando vicino a molte posizioni di chi ha votato destra, anche se io non potrei mai votare *questa* destra. E per ora continuo a sperare che il PD migliori, cresca, cresca bene, e vinca alla prossima.
    7_Spero che DiPietro – che mi piace – non inizi a cagare il cazzo pure lui come facevano tutti i partitini fino ad ora.

  9. Abboriggeno says:

    ps. ah giusto, come ricordava Disorder: l’indulto è sicuramente una delle cose che ha tolto molti voti. Io stesso l’ho digerito malissimo. E’ pur vero che era stato fatto in collaborazione con FI, e voluto da tutto il centro. Ma anche la Sinistra c’era in mezzo. Per non parlare poi dei voti che han perso i Verdi con la storia della Campania.
    E Prodi con quella triste compagine di governo (che per voler dire ognuno la sua in pochi mesi si era rimangiata un margine di vantaggio impressionante, nel 2006) l’unica cosa che ha saputo fare è risanare un po’ i conti. Cosa non da poco ma che la maggior parte della gente non sa o cmq non vede.
    e poi a me il PD piaceva come progetto, però sentire Uolter che diceva cose del tipo: “I Governi dei passati 14 anni han fatto questo e questo, c’è bisogno di cambiare etc etc” faceva veramente ridere i polli. come se lui venisse dalla luna.
    Ha preso in voti di DS (che io votavo) e Margherita. Né più, né meno. La sufficienza. E cmq un ottimo lavoro considerato come partiva, e considerato che se si ripresentavano tutti insieme secondo me era peggio.

  10. Disorder79 says:

    Arrivo un po’ tardi, rispondo solo a questo pezzo del commento di mariad

    “Veltroni ha fatto un tentativo e ha racimolato il 33%, ora è importante non disperdere questo voto e allargare a sinistra lo sguardo. C’è la possibilità di creare un partito maggioritario di tipo socialdemocratico. Che includa anche il voto moderato che cmq ha tenuto.”

    Mi sembrano un po’ tutte cose in contraddizione tra loro: a questo punto se il Pd vuole crearsi una sua identità non può contraddirsi subito e allargare lo sguardo a sinistra (nel senso di rifare una coalizione che comprenda tutta la sinistra). Deve però tornare “di sinistra”, anche se riformista, come identità.
    Ah, se per “voto moderato” si intende quello cattodem o quello degli indecisi,
    1) NON ha tenuto, anzi il Pd non ha sottratto un voto uno alla sua destra,
    2) bisogna rinunciare al tentativo (inutile) di attrarlo, per ritrovare quella identità di cui sopra (o costruirne una nuova, ma comunque di centrosinistra).
    Sennò continuate pure col maanchismo, che gli effetti si sono visti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: