Improvvisamente anche a Firenze

Siamo nel febbraio 2007. Gustav e Luca sono una famiglia, stanno insieme da 8 anni, vivono insieme circondati dall’affetto di amici e parenti. L’unico che finora li ha ignorati li ha ignorati, non li considera una coppia e non riconosce loro nessun diritto è lo Stato.

Quando il governo Prodi presenta il timidissimo disegno di legge sui Dico, si accende in loro la speranza che le cose avrebbero potuto iniziare a cambiare.

Sappiamo tutti com’è andata a finire.


“IMPROVVISAMENTE L’INVERNO SCORSO”  racconta la storia di Luca e Gustav, una coppia che sta insieme da otto anni, e di quello che gli è successo improvvisamente l’inverno scorso, quando un’ondata inaspettata di omofobia ha sconvolto la loro quotidianità.

A Febbraio, dopo mesi di discussioni, il governo Prodi – come da programma – ha presentato una proposta di legge per le unioni civili estesa anche alle coppie omosessuali. e da lì è partita un’offensiva mediatica e politica di proporzioni inaspettate.

Il paese si è così diviso tra chi era a favore dei DiCo (il nome del disegno di legge) e chi gli sparava contro. Dai pulpiti delle chiese e dai salotti televisivi, si è arrivati a livelli parossistici di intolleranza.

Gustav ha cercato di convincere Luca a realizzare un documentario sull’argomento sentendo l’opinione della gente comune, delle associazioni religiose, dei politici di destra e di sinistra (tra gli altri Rocco Buttiglione, Paola Binetti, Barbara Pollastrini, Franco Grillini, Cesare Salvi, etc.) in occasione di manifestazioni e contromanifestazioni varie, e contemporaneamente per mesi e mesi hanno seguito la discussione generale al Senato.

Con un disagio crescente nei due protagonisti, il film registra, non senza ironia, mesi di polemiche sterili, strumentali e attacchi gratuiti.

Quello che ne viene fuori è un quadro poco edificante, e alquanto contraddittorio, del Belpaese.

Quella riportata qui sopra è la sinossi, tratta dal sito ufficiale del documentario che Gustav e Luca hanno realizzato. Non dev’essere stato facile per loro seguire il dibattito in corso, intervistare parlamentari e militanti del Family Day, assistere al fuoco di fila di dichiarazioni umilianti che si è scatenato in quei mesi. Ne è uscito un film già proiettato in varie rassegne internazionali, tra cui il Festival del cinema di Berlino, in cui ha ricevuto una menzione speciale.

loc_improvvisamente Al di là della segnalazione del suddetto sito, che oltre a contenere vari estratti video del film e delle sue proiezioni in giro per il mondo è ricco di altri materiali sulla condizione degli omosessuali in Italia (dai vari progetti di legge a una intera sezione sull’omofobia In Italia, per la gioia della Carfagna e dell’integrazione di cui tanto ciancia), avevo fino ad oggi colpevolmente tralasciato di pubblicizzare il “tour” che il film sta facendo nello Stivale, insieme con i suoi autori (in mancanza, almeno per ora, di una vera e propria distribuzione regolare), con un buon successo di pubblico di città in città ad affiancare quello di critica.

Questo giovedì 22 maggio Improvvisamente l’inverno scorso verrà proiettato al cinema Colonna di Firenze (alle ore 21).

Chi giovedì avesse altri impegni può andare anche a vederlo stasera stessa a Prato, al Terminale (alle ore 21.15, qui addirittura a ingresso gratuito).

C’è da aggiungere altro? Questi due ragazzi hanno compiuto il difficile sforzo di mettere in piazza la loro frustrazione e la loro discriminazione, con grande autoironia e forza d’animo.

Spesso ci chiediamo cosa si può fare per i diritti civili e per quelli degli omosessuali in particolare, di fronte al presente quadro politico. Ecco, andare a vedere un film come questo, portarci più persone possibili, parlarne in giro, è sicuramente un inizio.

Annunci

4 Responses to Improvvisamente anche a Firenze

  1. utente anonimo says:

    Scusa se ti correggo, è giovedì 22 maggio non 20 a Firenze. Forse, ce la faccio a venire anch’io.
    Ciao
    IllegallyBlonde

  2. Disorder79 says:

    Azz, è vero! Grazie, corretto :)

  3. PF1 says:

    interessante questo documentario: l’ennesima dimostrazione che siamo un paese ottuso, ignorante, diffidente su tutto e profondamente arcaico…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: