Riotta vergognati

Trenta secondi di scossa (quella principale) per il terremoto che in Abruzzo ha provocato centinaia di vittime e di feriti, oltre ad migliaia di sfollati.
Settanta secondi di autofellatio per il Tg1 trionfatore negli ascolti.

Annunci

10 Responses to Riotta vergognati

  1. Postmoderno says:

    Non ho parole, davvero. Mi pare che (in fondo in fondo) anche la Petruni sia a disagio…(ok, molto in fondo).

  2. fanno veramente cagare e questa ne è la prova…sempre che ci fosse il bisogno di ribadirlo.

  3. utente anonimo says:

    Ma Riotta (ogni volta mi viene in mente “Quei bravi ragazzi”…va bè) – per non saper leggere nè scrivere, tra l’altro – non era passato alla direzione del Sole 24 Ore?
    Detto questo, si fa sempre più strada l’ipotesi che a scuotere il terreno sia stato l’immarcescibile Vespone, deluso dell’andazzo di Garlasco (hanno pure chiesto il rito abbreviato…) e Perugia (oh rabbia, che il negro è già in galera!). In fatti il suddetto è nato proprio a l’Aquila…e non oso immaginare i siparietti patetici con tanto di amarcord – amarcord sì, ma dall’attico in Piazza di Spagna dove invita a cena il Berlusca, e ci mancherebbe altro… – della preadolescenza vespiana. Brrrrrrrrrr

    Te l’ho già detto: spegni la tv. Si sta tanto meglio. Si ha tutta un’altra prospettiva delle cose ( a patto, ovviamente, di non soppiantarla con quel popolare social network che non voglio nemmeno nominare :-) )

    martina

  4. Dis0rder says:

    Lo spero proprio che la Petruni fosse almeno a disagio.

    Tra l’altro, non dico che sia per forza da condannare un conduttore di tg che in qualche modo (auto)elogia lo sforzo fatto per coprire un evento importante e di lunga durata. Però ecco, si può fare con un po’ più di stile e sobrietà, e senza troppo insistere sui trionfi di ascolto (terribile anche il sorriso di Romita nel video di Youtube collegato, quando parla dei buoni risultati dello speciale in occasione della morte di G.Sandri).

    martina: Ray Riotta (eheh) stava appunto affrontando gli ultimi giorni da direttore, già da giorni si sapeva che andrà al Sole 24ore (mentre De Bortoli si sposta al Corriere, e speriamo che ne fermi la deriva trash anche nell’online – ma forse chiedo troppo).
    Proprio il giorno dopo Riotta dava l’addio ai telespettatori con questo patetico discorso, che non credo abbia bisogno di ulteriori commenti.

    In ogni caso, se anche Riotta se ne fosse andato qualche giorno prima, sarebbe comunque responsabile della china fatta prendere al tg, o meglio della mancanza dell’inversione di marcia che gli richiedeva chi lo aveva scambiato (evidentemente a torto, e io sono tra quelli) per un giornalista lievemente più colto e professionale dei predecessori. In realtà una volta arrivato si è adeguato all’andazzo: ha giusto sostituito il “panino” di pionatesca memoria con la “nota politica”, ma l’eccessivo spazio ai politici è rimasto, così come il servilismo verso i poteri forti tutti e la superficialità di molti servizi. Un vero bluff.

    Da tempo si parlava di una sua sostituzione con qualcuno più chiaramente in quota-Pdl, addirittura si è fatto il nome di Belpietro. Che arrivi lui o qualche altro personaggio simile a trasformare definitivamente il Tg1 in Studio1Aperto, il rimpianto per la direzione Riotta sarà un po’ come quello per il Pd quando sarà definitivamente naufragato: molto scarso. Il giornalismo sta appunto altrove. E non nella foglia di fico dell’intervista incomprensibile al premio Nobel, quando poi i servizi sulle vere notizie non li prepari.

  5. utente anonimo says:

    Guarda, io appena ho saputo del terremoto in Abruzzo ho evitato nel modo più assoluto tutti i telegiornali e i giornali. Mi sono informato solo su internet, peraltro evitando quegli speciali di Repubblica con la foto del peluche o della chitarrina in mezzo alle macerie. Siamo il popolo del melodramma. Nel giro di qualche giorno dopo aver maledetto il fato ricominceranno a dirci che va tutto male per colpa degli immigrati.
    Comunque Riotta è veramente patetico…il punto è che con le prossime nomine dei direttori arriveremo quasi a rimpiangerlo. Lui, la sua camicia bianca e quella toccante rubrica “Benjamin” sui libri, quasi peggio di Do Re Ciak Gulp di quell’altro patetico…
    Che dire poi delle nuove nomine del Sole 24 ore e del Corriere…Largo ai giovani, come sempre. Poi se vedi i giovani, tipo Massimo Giannini di Repubblica che prima o poi sostituirà Ezio Mauro, un po’ di dubbi ti vengono. Bah…
    Ale

  6. utente anonimo says:

    Vabbè, a proposito di sciacalli vogliamo parlare dei vari registi che hanno preso l’Aquila per un rd carpet? Questo mi fa veramente schifo. Alla fine andare a fare qualche ripresa ci sta pure (e fra quelli presenti l’unico davvero titolao a farlo potrebbe essere Sorrentino) ma in incognita, dico io, qusi vergognandosene…
    In veceno, tutti lì, a dar prova di grande sensibilità artistica.
    Non mi stupirei se le macerie diventassero la lochèscion di un qualche calendario “artisticoepernientevolgare”. Mah.

    martina

  7. utente anonimo says:

    Che schifo…magari i filmati potevano essere utili tra qualche mese per tenere viva l’attenzione su un problema che sarà presto messo da parte (come sempre).
    Invece i vari Ozpetek, Placido, Calopresti (che mette pure Perfect Day in sottofondo) subito a prestarsi alla prima pagina di Repubblica sul web. Calopresti, visto il precedente sulle vittime della Thyssen, potrebbe diventare l’equivalente di Elton John ai funerali con Candle in the wind….Ma nessuno glielo dice a questi?!?
    Ale

  8. AnelliDiFumo says:

    Sono curioso di vedere come sarà il nuovo Tg1 di Emilio Fede.

  9. Dis0rder says:

    Eccomi (prima o poi arrivo a rispondere, sapete). Sono d’accordo sulla tristezza assoluta della passerella dei registi: il loro lavoro avrebbe potuto essere utile se svolto in silenzio e tirato fuori tra qualche tempo, al massimo.
    A breve in arrivo anche gli eventi musicali, e dopo il singolo di X-Factor ci aspetta uno Spaghetti Live Aid e un singolo con Jovanotti Negramaro & co. Vabbè (a breve scriverò un post sul tema, forse).

    Adf: si è parlato di Mimun nei giorni scorsi, ma forse proprio per questo è stato bruciato. Ah, e tra le nomine annunciate (e quindi forse bruciate, ma chissà) c’è anche la Petruni stessa (addirittura alla *direzione* di Rai2!), che evidentemente a forza di seguire Silvio da inviata deve aver trovato la sua bella super-raccomandazione. O forse è stato il contrario.

  10. Dis0rder says:

    Ah, segnalo una curiosità, più direttamente in tema con il post. All’URL del Tg1 dedicato all’emergenza terremoto ( http://www.rai.it/dl/tg1/speciali/ContentItem-e255873f-6552-470e-a53e-b4823c2e2a01.html ), tra i vari indirizzi e contatti compare da diversi giorni questo messaggio, che mi pare indicativo:

    > Per scriverci: tg1.live@rai.it
    (VI PREGHIAMO DI NON INTASARE CON ALTRE PROTESTE LA CASELLA EMAIL, CHE SERVE PER SEGNALAZIONI E INFORMAZIONI DI SERVIZIO E SOLIDARIETA’. IL MESSAGGIO E’ STATO RECEPITO CHIARAMENTE. CONTIAMO SULLA VOSTRA COLLABORAZIONE. GRAZIE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: