Rotten Apples

Con riferimento al penultimo post mi hanno dato privatamente di nerd.
Giusto in tempo per questo post, in cui mi propongo di attaccare quello che è il feticcio nerd-snob per eccellenza: il Mac.

Il dibattito tra adepti e detrattori della Apple esiste da anni, e ha senz’altro visto interventi più competenti ed esaustivi del mio.
Io voglio limitarmi a qualche considerazione sui motivi per cui, per quel che mi riguarda, Apple=no buono.

1) L’altro giorno mi trovavo in un megastore appartenente a una nota catena, con prezzi mediamente competitivi. Ho dato un’occhiata al costo dei portatili. Lasciando da parte la categoria dei mini-portatili con schermo a 8 pollici, il più economico notebook completo di tutto il necessario a un utente medio (160 giga di harddisc, memoria decente, webcam, wifi, dvd, prese usb, schermo 15′) lo si portava a casa a 399 euro. c’erano poi decine di altre soluzioni a prezzi più alti.

Nell’isola accanto c’erano in bellissima mostra i Mac. Tre modelli soltanto, perché si sa, less is more. I prezzi: 950 euro il modello più sfigato, 1150 il mediano, 1700 e rotti il Macbook Air.

Ora, io non dubito che i Mac siano computer eccellenti sia nel design che quanto a usabilità. E ammetto che pochissimi tra i Mac-users che frequento/leggo si lamentano dei loro computer, e che praticamente nessuno di mia conoscenza è tornato al pc abbandonando il Mac. Questo vorrà dire senz’altro qualcosa: l’azienda di Jobs sa come tenersi stretti i clienti, in qualunque modo faccia.

Però mi spiace, io certi prezzi non li accetto. Il mio utilizzo del computer è alto dal punto di vista quantitativo e medio-alto dal punto di vista qualitativo (tengo aperte tante applicazioni contemporaneamente per lungo tempo, pur non utilizzando i programmi di grafica o editing audio-video in cui mi dicono il Mac essere "superiore"), e di certo mi lamento spesso di come Windows o alcuni programmi che ci girano si "impallino" periodicamente o vadano lenti.
Niente però mi toglie dalla testa che almeno per le mie esigenze (che penso siano simili a quelle di una parte significativa della ormai allargata nicchia di Mac-users) con neanche metà della cifra richiesta per un Mac si possa acquistare un pc fisso o portatile di medio-alto livello che assicuri la stessa stabilità e le stesse funzionalità.

Inutile che veniate a dirmi che da quando avete scelto Mac la vostra vita è cambiata e non tornereste mai indietro: vi credo. Sono sicuro che anche per me sarebbe così, se lo provassi per un po’! Il fatto è che non ne sento il bisogno. Come non sento il bisogno di un vestito firmato che costa 10 volte quello comprato ai saldi al mercato.
Anche da Firefox, nonostante tutit i difetti che ha iniziato a mostrare con le ultime versioni, non so se riuscirò mai a tornare ad Internet Explorer. Troppo più veloce, figo, comodo. La differenza è che Firefox è gratuito: per provarlo non mi sono dovuto far rapinare.

2) Veniamo agli accessori. Mi ero recato nel suddetto negozio per ricomprarmi il mouse per il pc, visto che il mio era deceduto dopo anni di onorato servizio.
C’erano mouse per tutte le tasche, anche se non capisco cosa abbiano in più i mouse da 60 euro (forse massaggiano le nocche?). Comunque dopo aver "scartato" (ma sarebbero stati comunque ottimi) un mouse della Trust a 9,90 e uno di altra marca sconosciuta ancor più economico (5 euro), ne ho acquistato uno Logitech dal design fighissimo (il mio primo mouse ottico!). Stesso prezzo del Trust: 9,90.

Dopo la scelta, do un’occhiata ai mouse per il Mac (i Mac hanno standard diversi per TUTTO). C’erano in mostra solo mouse dell’economica Trust, di due formati. Guardo il prezzo di quello più piccolo e presumibilmente meno costoso: 29,90. Trenta-euro-per-un-fottuto-pidocchioso-mouse-Trust.

3) Gli iPod e i loro prezzi: vogliamo parlarne? Va detto che ultimamente la Apple ha tirato fuori modelli per tutte le tasche (quando esistevano solo gli iPod con grande capienza, bisognava sborsare roba come 300 euro per averne uno!). Ma resta il fatto che esistono concorrenti come la Creative ed esistono le sottomarche, e potrai sempre avere un prodotto equivalente per memoria e funzioni e altrettanto (se non più) duraturo, a una cifra anche molto inferiore.

4) da non-utente Mac e iPod, il mio contatto con i prodotti Apple si limita ai software. E non si può dire che tali software – anche quelli gratuiti – mi rendano la casa di Steve Jobs simpatica.
Il mio computer è Apple-free: o almeno, VORREBBE esserlo. Perché non ho mai installato iTunes e ho disinstallato da tempo l’ancor più inutile Quicktime (impossibile da utilizzare e aggiornare), ma grazie ai maneggi della Apple a volte basta aprire una pagina web nel sito di un gruppo per far scattare un collegamento spammoso al sito di iTunes e una richiesta di installazione del relativo programma. Mentre a volte tutto si blocca senza motivo, e dal nulla appare una simpatica finestra che mi propone di installare Quicktime, iTunes e Safari. No-neeee. Non-li-vo-glio!

– – –

Detto tutto ciò, non sono un oltranzista: regalatemi un Mac e lo utilizzerò, pronto a cambiare idea su tutto. Come dite, un po’ costoso come regalo? Ecco, appunto.
E anche se non fosse costoso per voi, avrei più piacere che sprecaste molti meno soldi per un regalo al sottoscritto. Niente Mac, ma (con la differenza) opere di bene.

Annunci

29 Responses to Rotten Apples

  1. dellamorte says:

    Sono in parte d’accordo (a parte il discorso design, per cui la Mela a parer mio non ha rivali ma sticazzi).
    Mi duole però ricordarti che – per quanto, ok, si possa lavorare bene anche con altri programmi – Final Cut è il programma più completo per il montaggio. In generale, per il montaggio il Mac rulez (senti che parlo ggiòvane anch’io??)

  2. Miaotze says:

    Domanda da nerd: come fai senza il plugin di Quicktime in Firefox?

  3. Dis0rder says:

    dellamorte : ehm, io me ne intendo così tanto di montaggio che (The) Final Cut per me è solo un album dei Pink Floyd :)
    (puoi essere più gggiovane ancora, basta applicarsi! ;) )

    Miaotze: mai sentito prima. L’ho googlato adesso. Possibile che il fatto che a volte mi venga offerto lo scaricamento di Quicktime c’entri qualcosa con l’ampia diffusione questo plugin, a causa della quale i siti sono magari predisposti per averci a che fare? boh…

  4. utente anonimo says:

    Come sei minimal chic :-D

    IllegallyBlonde

  5. Kekule says:

    …e comunque tutti i discorsetti politicamente corretti e perbenino, crollano rumorosamente nei casi particolari dell’utente Apple fighetto: se vedete insieme Apple, concept store, lomo, Islanda, polaroid e compagnia bella, non è il caso di ragionare. Un bel moccolone ci starebbe bene, basta ed avanza.
    Per tutto il resto degli Applelovers, un c’è miha problemi.

  6. neurobi says:

    Condivido quesi tutto, però, per la musica uso iTunes. Non ho trovato niente di meglio finora.
    Tu che usi?

  7. Kekule says:

    Ci sono vari programmini freeware sostitutivi di iTunes. Non vanno bene per tutte le esigenze (purtroppo per il mio hw no, ad esempio) ma prevalentemente svolgono il loro porco dovere.
    Una volta aggiornavo anche iTunes, ora ho paura di star lì a staccare QuickTime che s’impadronisce del browser. Anche no, eh!

  8. Dis0rder says:

    Kekule: mi mancavano i tuoi quadretti descrittivi (sei un altro di quelli che devono rimettersi a scrivere, accidenti!) :)

    Per quanto riguarda le alternative a iTunes, io come lettore di mp3 uso Winamp da sempre. Sono talmente tradizionalista-immobilista che mantengo la skin Winamp Classic :)
    Per caso ci sono altre funzioni di iTunes senza le quali non si può vivere? (lo so che organizza gli mp3 in cartelle e ti visualizza la copertina del disco relativo, ma a me quest’ultima cosa non mi interessa – e peraltro credo la offrano vari lettori mp3 – e gli mp3 li organizzo in cartelle per conto mio)

    E poi sulla questione aggiornamento-Quicktime: mi chiedevo come mai arrivassero le richieste anche a me che non ho nemmeno iTunes installato. Ora forse ho capito che il responsabile è il malefico programma accessorio “Apple software update” (che devo aver scaricato all’epoca insieme con Quicktime, e poi non rimosso). Adesso ho cestinato pure quello, spero proprio di aver risolto il problema…

  9. Kekule says:

    Eh, rimettermi a scrivere…
    Lo potrei anche fare, ma immagina solo che quel blog è lì solo per fare una cortesia a chi ne ha fatto riferimento in alcuni libri, io l’avrei cancellato da qualche settimana a questa parte, e trasferirlo su blogspot ummiriesceH.

  10. Kekule says:

    @Kekule: ma intendi l’Islanda nazione (non so, magari c’è qualcos’altro che si chiama così, magari un nuovo giocattolo di Steve Jobs)? Che c’entra?

  11. Felson:islanda->minimal design, grandi silenzi da estremo del globo, siguròssate varie tiiiuuuuiiiiiiiiiiiiiiih!
    Tutto ciò non è male di per sé, semplicemente fa parte del cliché, ed è di quello che rido.

  12. ahahhahahahhaha!

    vi amo.

  13. utente anonimo says:

    Questo tuo post avrei potuto scriverlo io, praticamente parola per parola, fino al 2006.
    Poi, un giorno, mi sono definitivamente rotto il cazzo dei virus e delle 30 patch al giorno di winzozz.
    Sono passato al Mac.
    Un’altra vita.
    Voi continuate col vostro menù start… non mi mancate proprio ;-P
    Mark

  14. L’hai detto non lo hai mai provato.
    Beata ignoranza!
    Sai cos’è Unix? Dietro la grafica (insuperabile) di Mac OS X c’è Unix! Degli infiniti problemi di Windows (XP o Vista che sia) che mi dici?
    Ti sei chiesto come mai i podcast si chiamano PODcast? o come mai il tuo Firefox è molto più veloce di Internet Explorer pur essendo una copia mal riuscita di Safari.
    Sai cos’è la risoluzione o sensibilità di un mouse?
    O perché mac con lo stesso processore di un pc sono più volte più veloci?
    Do you understand Architettura di sistema? Sai che differenza c’è tra un assemblato e un computer di marca, anche pc (ci stiamo avvicinando alla differenza di prezzo)? Sai quanti metri percorre un segnale dall’input all’output in un assemblato, in un buon pc di buona marca e in un mac?
    Potrei continuare non so per quanto, ma preferisco fermarmi quì.
    In fondo le strade sono piene di gente che, chi a piedi, chi in utilitaria, chi col Mercedes, va comunque da qualche parte. Ovviamente tutto dipende da quanto in fretta ci vuoi arrivare, da quante volte ci devi andare e da quanto sei disposto a pagare per farlo. Io non farei 100.000 km l’anno con una Panda, né farei 5 km a piedi se dovessi essere là in 5 minuti.
    Beata ignoranza!

  15. bella la puttanata de “metri di segnale imput output”. Fa tanto “ne so a strapacchi perchè uso termini fighi” tanto perchè poi di norma chi mi sta ad ascoltare non ne capisce una mazza… bella anche l’invenzione di firefox come brutta copia di safari, veramente fantasiosa. Così come la motivazione della bella grafica… cosa centra il fatto che sia unix con la grafica chi lo sa… così come questa sia insuperabile. Se tanto mi da tanto qualunque sistema unix based potrebbe fare lo stesso di os x… ma che ne parlo a fare, tanto non sarò mai informato quanto un’utente mac… che dovrà pur giustificare tutti i soldi che ha speso…

  16. utente anonimo says:

    io, mac user da un annetto (e da 5 anni se contiamo l’ipod), condivido tutto quello che hai scritto :D

    il mac l’ho preso perchè fa figo.
    poi oh, va anche da dio, ma diocan, con quello che l’ho pagato ci mancherebbe solo che andasse di merda!!!!!

  17. utente anonimo says:

    Beh, il paragone con i mezzi di trasporto è una pura perla nonsense.

    Per il resto non parlo di ciò che non conosco ma: ho Vista – ed ho avuto ogni versione di Windows dal mio primo pc Olivetti 286 – e per l’uso che ne ho fatto è sempre stato all’altezza. Quando avrò la necessità di bombardare San Marino, per sincoronizzare il lancio dei miei missili terra-terra probabilmente passerò al mac. Intanto investo il denaro risparmiato in droghe più o meno leggere.

    Mr. Soft

  18. Dis0rder says:

    il #15 è un fake…oppure è il cugino arrabbiato del cantante dei sigur ros.

    BTW ho sempre sognato che a natale la famiglia del suddetto cantante si riunisce attorno all’albero, e i vari cugini dicono ‘oh…io vicino a quello non mi ci metto, che non si capisce un cazzo di quello che dice’ e il vecchio nonno che guarda la scena scuotendo la testa.

    per #7 (neurobi): se sei su windows ti consiglio foobar. per me è insuperabile. E poi legge gli mp3 anche dentro i file zippati.

    vittorio

  19. Kekule says:

    Kekule: noooo, trasferire i blog porta male, poi si smette ugualmente di scrivere! (ogni riferimento a santacruzers che passassero per caso di qui è puramente voluto!).
    Ma ti sei stufato di Splinder, o vorresti ricominciare per fare una cosa diversa? In ogni caso fa piacere leggerti, anche se di rado. Del resto anche qui si sta rallentando il ritmo dei post. Salvo rari rigurgiti di blogghite acuta.

    Mark: ma il menu Start io lo uso solo quando lo spengo! :)
    Comunque la cosa potrebbe valere anche per me: questo post fotografa il momento attuale. Ricordo di aver scritto un paio di anni fa qualcosa del tipo “non userò mai last.fm”: ora ne sono un nerd-user incallito.

    anonimo espertone: la risposta è No a tutte le domande, con tanto di sguardo di mucca che guarda passare i treni. Però 100.000 km l’anno con una Panda che non inquini troppo e consumi poco ce li farei, non mi piace la velocità.

    doninside: pensa che io addirittura ne so a pacchetti TCP, qualsiasi cosa vogliano dire.

    dietnam: io sarei un mac-user come te :)

    Mr.Soft: idem, però temo che Play.com vada inserita tra le droghe pesanti!

    vittorio: ma povero cantante dei Sigur Ros! :DDD

  20. utente anonimo says:

    Dis0rder:eh la cosa è più complessa, ci vorrebbero quelle spiegazioni alle 3 di notte nei clubbini a luce soffusa nei pressi di santacrux :D

    OT: mi rompe parecchio andare sulla ka scassatella da solo a Fucecchio per la serata Morr (sì, il terzo sforzo collettivo discografico sul protoindiepop neozelandese è una potenza!), come mi ruppi (hahaha “ruppi” sebmbra il nome di un cane: qui Ruppi, qui!) di dover arrivare da solo a Cascina al tempo del concerto di Fleischmann. Quindi: se qualcuno ha una slot libera in auto per quel tempo, penZatemi intenZamente.

  21. utente anonimo says:

    Ho smesso di leggere dopo il passaggio “Concorrenza come la Creative” riferita ai lettori multimediali.
    Disorder hai fallito pesante con quest’articolo :P

    (e no, non ho un mac nè un iPod, ma la rosicata disinformativa di questo post è incommensurabile :P)

    Akuma

  22. Dis0rder says:

    Cmq parlando di software per la lettura multimediale, ho abbandonato iTunes (che rimane un splendido programma x carità) x tanti motivi ormai tanto tempo fa. Alcuni dei motivi li hai citati anche tu.
    Per chi non vuole usare iTunes ma è cmq innamorato delle sue funzionalità consiglio SONGBIRD http://www.getsongbird.com/
    Dopo essere passato per WinAmp 3.x, Foobar, MediaMonkey e MusikCube, devo dire di essere approdato felicemente a Songbird e non intendo andarmene :P Provalo ;)

    Akuma

  23. utente anonimo says:

    Akuma: tu sei un tecnoblogger mancato! :-P
    A proposito, ma qualcuno me le può illustrare queste fantomatiche potenzialità di iTunes e programmi affini? Cioè, oltre la possibilità di preparare playlist cosa c’è?

    Kekule: ok, per le spiegazioni attenderò l’eventuale sede più opportuna :) (sull’OT, come ti dicevo io non sono più sicuro di andare, ma ci risentiremo magari)

  24. Non ho voglia di spiegare xD Ma nel caso di iTunes non è tanto questione di potenzialità, ma di COME le offre. Su carta spesso son le stesse peculiarità di altri programmi, ma la logica che c’è dietro il funzionamento di iTunes è completamente diversa, molto + user friendly e decisamente fatta meglio. Tralasciando la questione dello store che a te (e a me) non interessa (ma a qualcuno di nostra conoscenza interessa molto xD) iTunes è stato il primo a presentare la struttura logica con playlist completa in basso e selettori veloci in alto (titolo, artista, genere, ma puoi mettere quel che vuoi). Ad esempio accendo il programma e ho tutta la lista, voglio vedere solo i brani di un certo artista? Ci clicco e me li fa vedere, ordinati x album. Cambio idea e voglio solo un album specifico? Ci clicco. La cosa bella è che tutte queste cose iTunes le può fare on-the-fly, senza bisogno di creare playlist temporanee in cache (come facevano ad esempio i famosi MusikCube e MediaMonkey), ha una funzione shuffle che funziona benissimo e tiene in memoria una quantità spropositata delle ultime canzoni. Idem la gestione del Database che cataloga tutte le canzoni, gli ascolti, gli skip e tantissimi altri campi più o meno inutili a seconda degli usi.
    E’ stato anche il primo a consentire un multiediting dei tag ID3 dei brani. Molto veloce e fattibile sia con delay-click dalla playlist che dal menu contestuale.
    Tutti hanno più o meno copiato iTunes, che poi è anche quello che ha lanciato l’interfaccia di navigazione MediaFlow, tanto in voga adesso nel web developing ed in tante applicazioni (a me fa cagare, ma si fa per parlare no?)
    Questo solo per parlare delle funzioni principali.
    Entrando nel dettagli abbiamo dei decoder Audio di altissima qualità, che ovviamente hanno setting completamente separati da quelli centralizzati del sistema operativo e poi arriva lui, il menu sulla sinistra. Da qui gestisci vari tipi di Playlist. Quelle fisse e quelle dinamiche. Quelle fisse oltretutto possono anche essere realizzate in modo “automatico” tramite una semplice query (del tipo: inseriscimi tutti gli album dal 1980 al 1989).
    Last but not least, le funzionalità per creare velocissimamente CD audio dai tuoi brani MP3 (e poi ci sarebbe anche l’encoder, ma non ha nulla di eccezionale).

    Il bello di tutte queste funzioni apparentemente banali è la qualità delle stesse, la logica/filosofia che ci sta dietro (e quindi la fantastica interfaccia grafica) e soprattutto il fatto che ogni funzionalità è veramente in grado di dialogare al 101% con le altre, non come in altri programmi dove ogni sezione è un “modulo” a sè, sviluppato spesso da persone diverse ed il dialogo c’è ma è molto ostacolato.

    Questo giusto per fare un resoconto. Io ho smesso di usare iTunes x tanti motivi che non vale la pena di discutere ora (a tutti quelli che adorano iTunes ma han smesso di usarlo ri-consiglio SONGBIRD, davvero incredibile… e completamente freeware e opensource), ma era indubbiamente un programma eccezionale che ha davvero cambiato il modo di fare software di quel tipo. Quanto era avanti lo dimostra il fatto che ancora oggi è difficile trovare concorrenza all’altezza.

  25. Dis0rder says:

    Era da tanto che non passavo da qui…
    Lol, questo post riassume un sacco di cose che penso dei Mac… e dell’ipod e Itunes che odio per quel loro non essere facilmente interfacciabili col resto del mondo software…

    Secondo me chi vuol essere veramente nerd dovrebbe passare a Linux, non ad Apple :-)

  26. A.: te l’ho già detto tante volte ma mi ripeto. mi fai paura. Il pezzo più bello è “…e poi arriva lui, il menu sulla sinistra.” :P

    … comunque scherzi a parte grazie, sembrano cose interessanti per quello (poco) che ho capito; casomai un giorno volessi qualche funzione del tipo “playlist” (la cosa delle query ad esempio è diabolica), mi butterò su Songbird (o su quello che sarà il programma migliore al momento, previo tuo consiglio).

    A me piacerebbe che ci fosse ad esempio un programma che dialoga su lastfm e ti crea in automatico una playlist con le Loved Tracks (ma magari si può ricreare la cosa mettendo i vari pezzi nei “preferiti” del programma, suppongo che una funzione del genere ci sarà senz’altro).

    E poi mi chiedo: ma tutti questi lettori ultratecnici, se sposti i file musicali in altre cartelle o harddisc, o cambi il nome delle cartelle, continuano a trovartele le varie canzoni?

    djdona: esatto. E bentornata :)

  27. Dis0rder says:

    Mi e’ venuto in mente solo adesso… non ho il link sottomano, ma puoi cercarlo su web, al posto di quicktime io ho istallato quicktime alternative (credo si chiami cosi’), programma leggerissimo che ne fa benissimo le veci… se non lo trovi dimmelo che poi cerco il link per bene…

  28. Anonimo says:

    djdona: mi spiace, avevo un attimo abbandonato a se stesso il blog quindi mi ricordo solo adesso di rispondere. Al momento francamente non mi si è più ripresentata l’esigenza di Quicktime o sostituto (quella finestrella non mi è più apparsa da quanto ho disinstallato il programma di aggiornamento automatico Apple di cui dicevo sopra).

    Il problema più grosso attualmente con Firefox (che persiste irrisolto anche con la versione 3.5) riguarda invece Adobe, in particolare un maledetto e fantomatico “script di Flash” da interrompere, che si diverte spesso e volentieri a bloccarmi tutto per anche 5 minuti.. sono andato OT da solo rispetto al post, ma già che si parlava di noie informatiche volevo sfogarmi eheh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: