Florence Queer Festival 2009

Florence Queer Festival 2009Quest’anno arrivo "quasi" tempestivo alla consueta segnalazione della partenza del Florence Queer Festival, giunto ormai alla settima edizione.
"Quasi", nel senso che il cuore della rassegna – la settimana di proiezioni cinematograficheinizierà domani venerdì 27 novembre per chiudersi giovedì 3 dicembre, ma nelle sue appendici cultural-teatrali ("Queer Art", "Queer Book" e "Queer Theater") avrà degli appuntamenti anche nelle settimane successive e ha anche avuto alcune anticipazioni per cui era meglio non aspettare i miei avvisi (perché se così fosse… ormai ve le siete perse).

Fa molto piacere che il Festival confezionato da Ireos abbia trovato una sua collocazione stabile sia temporale (la settimana a cavallo tra novembre e dicembre) che logistico-organizzativa (nel prestigioso cinema Odeon nel centro di Firenze, e all’interno della macro-rassegna 50 Giorni di cinema internazionale a Firenze, a cura della Mediateca Regionale Toscana).
Valgono infatti le stesse considerazioni dell’anno scorso: anche per questa edizione ci saranno 7 giorni di proiezione ma senza repliche.

Quindi è il caso di scorrere il programma completo, che sta bello comodo e snello tutto su una pagina del sito del Festival (niente pdf impalla-browser, fiuuu – o meglio, se proprio volete stamparvi un facsimile del programma cartaceo c’è anche il pdf).

Sullo stesso sito trovate anche i dettagli sulle suddette appendici collaterali, e inoltre i prezzi (in calce al programma), gli orari dell’Happy Hour al bistrot dell’Odeon (comodo per chi sceglie la full immersion dal pomeriggio alla serata) e i dettagli sul concorso VideoQueer 2009 (proiezioni ogni giorno di alcuni dei corti in concorso, premiazione il 3 dicembre).

Ah, e il 5 dicembre il Festival si chiude ufficialmente con il Queer Aboard al Viper. Eccezionalmente di sabato (solitamente si tiene al venerdì, una o due volte al mese), Queer Aboard si fregia dall’anno scorso del prestigioso titolo (?) di unica serata glbtecc Outsiders-approved in Toscana. In soldoni, l’unica a cui il tenutario va spesso e volentieri, complici i prezzi onesti, l’atmosfera poco fescion e la musica solitamente carina e ballabile (anche per chi oltre a socializzare spererebbe di sentire qualcosa di più di Lady GaGa-Madonna-Rihanna) in entrambe le sale.

Quest’anno non so se presenzierò a quest’ultima serata, ma mi piacerebbe trascorrerne diverse all’Odeon.
Il programma al solito comprende un sacco di lungometraggi e documentari inediti da tutto in mondo (in anteprima e/o destinati a non esser mai distribuiti in Italia), con temi che spaziano dall’omogenitorialtà all’identità di genere (per andare oltre le tristi serate di Santoro sul caso Marrazzo…).
Per gli amanti dell’approfondimento storico-cinefilo, c’è anche un’ampia retrospettiva sul noto regista e attivista gay tedesco Rosa von Praunheim. Mentre il 1° dicembre, giornata mondiale contro l’AIDS, anche la programmazione sarà ovviamente incentrata sull’argomento.

Ecco, per arrivare (quasi) puntuale mi è toccato scrivere un post senza né un titolo fantasioso né una chiusura a effetto. Pazienza. Ci vediamo all’Odeon, io sono quello che abusa del buffet (se c’è).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: